Google+

Mostra – I maledetti di Montparnasse distaccati per stile ma legati dalla stessa tragedia interiore

novembre 25, 2013 Mariapia Bruno

<<Non mi parlate di quell’italiano che mi ha fatto quasi diventare alcolizzato>> ha detto una volta, in toni probabilmente scherzosi, il pittore di origini russe Chaïm Soutine a proposito di Amedeo Modigliani; in realtà l’artista italiano fu uno dei suoi più grandi amici in quella Parigi degli “anni folli” del primo Novecento, e uno dei pochi ad averlo aiutato, introducendolo nei giusti ambienti e presentandogli il collezionista e rappresentante d’arte Netter, a sopravvivere nella Ville Lumière, una volta trasferitovi dalla fredda Russia. Ma lo stile di Soutine, come quello del suo amico italiano, non si amalgamò mai completamente a quelle che erano le tendenze espressioniste del tempo, semmai si accostò all’interesse per l’indagine della tragedia interiore dell’uomo che lo accomuna a nomi come Maurice Utrillo, Suzanne Valadon, Moïse Kisling e Léon Solá. Tutti questi pittori sono oggi protagonisti della retrospettiva intitolata Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter, aperta fino al 6 aprile 2014 presso la Fondazione Roma nella sede espositiva di Palazzo Cipolla, le cui opere in mostra hanno il compito di ricostruire le tendenze artistiche e gli interessi di quel gruppo di pittori stravaganti del quartiere di Montparnasse che beveva (soprattutto assenzio) e fumava quel che capitava.

Il disagio di uno stile di vita tormentato e irrequieto è ben evidente nel gran numero di opere raccolte Roma, ma il percorso espositivo – che destina ogni sala o a un determinato pittore – avrebbe potuto raccontare di più se solo si fossero accostati, di tanto in tanto, quadri dalle firme differenti ma dalle evidenti similitudini. Come nel caso della Donna in verde di Soutine, il cui volto assume lo stesso ovale della Fanciulla in abito giallo di Modigliani, o il Ritratto di Maria Lani di Suzanne Valadon, che immortala una donna seduta con le mani in grembo e le gambe spostate verso sinistra in una posizione simile al Ritratto d’uomo (Jonas Netter) di Moïse Kisling, o ancora la Ragazza con camicia azzurra di Léon Solá, ripresa da una punto di vista in alto allo stesso modo de La pazza di Soutine.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana