Google+

Mostra – Al Palazzo Reale di Milano trionfa il divisionista Giovanni Segantini

settembre 15, 2014 Mariapia Bruno

18. Segantini Ritorno dal boscoUna vita breve, una personalità intensa e un cuore desideroso di appartenere ad una bandiera, quella italiana. Ecco i tratti che hanno segnato l’esistenza privata ed artistica di Giovanni Segantini (1858-1899), pittore divisionista nato ad Arco di Trento nel 1858, quando allora la zona era “terra irredenta” posta sotto il dominio dell’Impero Asburgico, e morto a soli 41 anni in Engadina. L’artista, che visse a Milano per ben 17 anni, ritenne sua patria sempre e soltanto l’Italia, benché anche una volta perduta la cittadinanza austriaca non riuscirà, a causa di questioni burocratiche legate al mancato servizio di leva prestato per l’Austria, ad ottenere cittadinanza e passaporto italiani. La sua situazione quasi da “apolide”, che non gli permise una libera circolazione all’estero, e quindi mancarono al suo percorso quei viaggi tanto necessari alla formazione di ogni artista.

13. Segantini Sul balconeMa torniamo a Milano, città che adesso gli dedica una grande retrospettiva – intitolata Segantini – presso Palazzo Reale, che aprirà i battenti dal 18 settembre al 18 gennaio 2015. Provenienti da importanti musei e collezioni private europee e statunitensi, sono state riunite oltre 120 opere dell’artista: quasi tutti suoi autoritratti, quelle che ritraggono la capitale meneghina ospitante, le tele intrise del sapore della Scapigliatura, le nature morte, le opere simboliste nelle quali spesso si riflette sul tema della maternità, e le monumentali opere divisioniste, marchio di fabbrica del pittore. Milano, come allora, è il fulcro della parabola segantiniana, la finestra sul mondo che gli ha concesso di attingere a piene mani da quello che allora faceva tendenza, e di farlo assolutamente proprio. Non mancano lettere, libri, documenti e fotografie. Presente anche il ritratto di Segantini sul letto di morte, acquarello di Giovanni Giacometti, suo amico fraterno e padre del celebre scultore Alberto. Tra le opere più suggestive segnaliamo, infine, Sul balcone (1892), Ritorno dal bosco (1890) e Il Naviglio a Ponte San Marco (1880).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana