Google+

Mostra – A Venezia la Hall of Fame del graffitismo

giugno 8, 2015 Mariapia Bruno

08-STO_1929Evento collaterale della 56esima Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, la mostra The Bridges of Graffiti vuole farci conoscere da vicino quell’arte di strada nata nella periferia di Manhattan, zona di frontiera tra cultura di massa e di élite, bianco e nero, spazzatura e raffinatezza, e diffusasi in tutto il globo a partire dagli anni Ottanta. Boris Tellegen, Doze Green, Eron, Futura, Mode2, SKKI ©, Jayone, Todd James, Teach e Zero-T sono i 10 artisti prescelti che hanno lavorato insieme alla realizzazione di una singola opera collaborativa che invade gli spazi di Arterminal, una sede espositiva di 3500 mq appena restaurati dedicati ai grandi eventi dell’arte contemporanea.

06-STO_1885Ma non è la prima volta che il pubblico italiano si trova di fronte ad opere rappresentative del graffitismo. Già nel 1984 Francesca Alinovi curò una mostra intitolata Arte di Frontiera. New York Graffiti, che portò nel Bel Paese i principali esponenti del graffitismo newyorchese. E dopo trent’anni è giunto il momento di spolverare il passato per capire come si è evoluta la tendenza, osservando il percorso degli esponenti del writing su muri, molti dei quali hanno saputo evolversi e reinventarsi, sviluppando in modo sempre nuovo lo stile figurativo di partenza. La retrospettiva veneta, visibile fino al 22 novembre 2015, va gustata come se fosse una sorta di “Hall of Fame” dove a guidare il visitatore passo dopo passo non è il pavimento, ma il ricco e colorato muro.

 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se l’elettrico costituisce il futuro della mobilità, la tecnologia ibrida plug-in è figlia del presente. Rappresenta infatti la massima espressione del compromesso tra propulsione tradizionale e a zero emissioni. Un’auto ibrida plug-in non è altro, del resto, che un’auto ibrida, quindi dotata di un powertrain composto dall’interazione tra due motori – il primo a combustione […]

L'articolo Hyundai Ioniq Plug-in: praticamente astemia proviene da RED Live.

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana