Google+

Mostra – A Cecina i méta-mécaniques dedicati ai filosofi di Jean Tinguely

giugno 29, 2015 Mariapia Bruno

Durante una pausa_ foto Monique Jacot_ Museum Tinguely, BasileaL’artista svizzero Jean Tinguely (Friburgo, 1925 – Berna, 1991), formatosi a Basilea e attivo a Parigi dal ’53, è divenuto noto per le sue opere cinetiche sperimentali: dai méta-mécaniques, ovvero le sculture in fil di ferro saldato attivate da manovelle, ai rilievi sonori, dove grande attenzione era rivolta al rumore prodotto dai meccanismi in movimento. La sua produzione, che prevedeva il largo uso di materiali meccanici di derivazione industriale e che ha fatto riflettere sulla sovrapproduzione di tecnologie meccaniche da cui l’uomo sarebbe stato dominato, lo ha avvicinato alla produzione di artisti cinetici come Vasarely, Calder, Soto e Munari. Tinguely fu anche uno dei primi artisti a usare nelle sue creazioni sostanze non materiali, come il suono, la luce, l’odore, il fumo, il fuoco o le esplosioni. Una creatività, la sua, che non nasceva dall’istinto, dalla memoria o dal mondo onirico, ma dall’osservazione di una realtà ansiosa del futuro, che tutto puntava sulle macchine, sui robot e sulle invenzioni del prossimo domani.

Jacob Burckhardt, filosofo_1988_ Museum Tinguely, BasileaE adesso, a quasi 15 anni dalla sua morte, la Fondazione Culturale Hermann Geiger di Cecina (LI), con il patrocinio dall’Ambasciata di Svizzera in Italia, gli dedica la mostra intitolata Jean Tinguely. I Filosofi. La retrospettiva, visibile fino al 20 settembre 2015, espone nove sculture cinetiche realizzate dall’artista nel 1988. Queste creazioni, provenienti dal Museum Tinguely di Basilea, sono un omaggio ai pensatori che hanno influito sul pensiero politico dell’artista: Martin Heidegger, Henri Bergson, Jacob Burckhardt, Friedrich Engels, Pjotr Kropotkin, Wedekind, Ludwig Wittgenstein, Jean-Jacques Rousseau e Wackernagel. La mostra è interattiva e probabilmente divertirebbe Tinguely: è possibile infatti attivare le varie macchine per comprendere l’originalità dei movimenti e fruire dei suoni prodotti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana