Google+

Mostra – A Cecina i méta-mécaniques dedicati ai filosofi di Jean Tinguely

giugno 29, 2015 Mariapia Bruno

Durante una pausa_ foto Monique Jacot_ Museum Tinguely, BasileaL’artista svizzero Jean Tinguely (Friburgo, 1925 – Berna, 1991), formatosi a Basilea e attivo a Parigi dal ’53, è divenuto noto per le sue opere cinetiche sperimentali: dai méta-mécaniques, ovvero le sculture in fil di ferro saldato attivate da manovelle, ai rilievi sonori, dove grande attenzione era rivolta al rumore prodotto dai meccanismi in movimento. La sua produzione, che prevedeva il largo uso di materiali meccanici di derivazione industriale e che ha fatto riflettere sulla sovrapproduzione di tecnologie meccaniche da cui l’uomo sarebbe stato dominato, lo ha avvicinato alla produzione di artisti cinetici come Vasarely, Calder, Soto e Munari. Tinguely fu anche uno dei primi artisti a usare nelle sue creazioni sostanze non materiali, come il suono, la luce, l’odore, il fumo, il fuoco o le esplosioni. Una creatività, la sua, che non nasceva dall’istinto, dalla memoria o dal mondo onirico, ma dall’osservazione di una realtà ansiosa del futuro, che tutto puntava sulle macchine, sui robot e sulle invenzioni del prossimo domani.

Jacob Burckhardt, filosofo_1988_ Museum Tinguely, BasileaE adesso, a quasi 15 anni dalla sua morte, la Fondazione Culturale Hermann Geiger di Cecina (LI), con il patrocinio dall’Ambasciata di Svizzera in Italia, gli dedica la mostra intitolata Jean Tinguely. I Filosofi. La retrospettiva, visibile fino al 20 settembre 2015, espone nove sculture cinetiche realizzate dall’artista nel 1988. Queste creazioni, provenienti dal Museum Tinguely di Basilea, sono un omaggio ai pensatori che hanno influito sul pensiero politico dell’artista: Martin Heidegger, Henri Bergson, Jacob Burckhardt, Friedrich Engels, Pjotr Kropotkin, Wedekind, Ludwig Wittgenstein, Jean-Jacques Rousseau e Wackernagel. La mostra è interattiva e probabilmente divertirebbe Tinguely: è possibile infatti attivare le varie macchine per comprendere l’originalità dei movimenti e fruire dei suoni prodotti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il 24 e il 25 marzo, se siete in zona capitale, non prendete impegni: ci sono gli Honda Days 2018 all’autodromo di Vallelunga. Si possono provare auto, moto e non solo…

L'articolo Honda Days 2018: 24 e 25 marzo, tutti a Vallelunga proviene da RED Live.

Neve, ghiaccio, temperature polari e 26 passi alpini. La terza edizione della 20Quattro Ore delle Alpi, organizzata da Audi, ha incontrato le condizioni giuste per mettere alla prova 5 equipaggi che si sono sfidati a suon di km percorsi e prove speciali ghiacciate sulle nuove RS4. C’eravamo anche noi

L'articolo 20Quattro Ore delle Alpi Audi. C’ero anch’io proviene da RED Live.

Presentata per la prima volta nel 2007, la Peugeot 308 ha subito un restyling nel giugno 2017. Dal punto di vista meccanico la novità preponderante era stata la sostituzione del cambio automatico a 6 rapporti in favore di un nuovo 8 rapporti. Un cambio più evoluto sviluppato dalla giapponese Aisin capace di rubare sulla bilancia […]

L'articolo Peugeot 308: aggiornamenti a 8 rapporti proviene da RED Live.

Più dinamica - non solo nel look - e tecnologica. Per sfidare a testa alta le rivali più pericolose del segmento. La nuova Kia Ceed è pronta per sfilare sulla passerella del Salone di Ginevra 2018

L'articolo Nuova Kia Ceed, senza apostrofo ma con più stile proviene da RED Live.

La 2ª edizione del circuito organizzato da Bosch eBike Systems, con il supporto di Trek, coinvolgerà 5 Paesi europei. I percorsi sono adatti sia agli amatori sia ai professionisti. Il via dal Bike Festival di Riva del Garda a fine aprile

L'articolo Bosch eMTB-Challenge – Da aprile a settembre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi