Google+

Ah, come sarebbe bello il mondo senza noi uomini!

agosto 8, 2013 Redazione

Ieri, colpevolmente, ci siamo lasciati sfuggire l’articolo dell’ambientalista Fabio Balocco apparso tra i blog del sito del Fatto quotidiano, intitolato emblematicamente “’Il mondo senza di noi': un’utile consolazione”. Anche se in ritardo, vale la pena di ripescarne qualche stralcio qui per capire fino a che punto può spingersi la mente umana quando è in preda all’ideologia.

«Un considerevole aiuto negli ultimi anni mi è venuto dopo la lettura di un libro, e non è un libro di un ambientalista. Si tratta di Il mondo senza di noi di Alan Weisman».

«Weisman fa un gioco: prova a immaginare cosa accadrebbe alla terra se l’uomo improvvisamente scomparisse. (…) Quanto tempo impiegherebbe la terra a disfarsi dei suoi resti? Un esercizio intellettuale, ma supportato da dati scientifici che attestano che, anche se magari dopo tanto, tanto tempo, la terra riacquisterebbe un suo equilibrio».

«Io dopo la sua lettura sono cambiato. Non vedo più lo squarcio, la bruttura, vedo il dopo: quando l’uomo non ci sarà più e l’equilibrio tornerà. Questo mi consente di acquisire una certa distanza dalle cose e un effetto consolatorio. Un po’ come il saggio di Epicuro. Già, chissà cosa penserebbe il saggio dell’uomo di oggi?».

Fabio Balocco, ilfattoquotidiano.it

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. beppe scrive:

    è l’estrema conclusione del pensiero wwf, che considera l’uomo come un virus dannoso per la divina madre terra. perchè ci sia l’uomo resta certo una domanda filosofica. perchè esista fabio balocco è proprio una sfiga.

  2. Mappo scrive:

    Il signor Balocco si consola pensando a quando sulla terra non ci saranno più gli uomini, io più modestamente mi accontento nel pensare a quando al mondo non ci saranno più i lettori del Fatto e di Repubblica.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana