Google+

Mitt Romney e l’America che non si vergogna di pregare

novembre 8, 2012 Pino Suriano

«Prego perché il Presidente Obama abbia successo nel guidare la nostra nazione». Mitt Romney, candidato sconfitto alle presidenziali Usa, è l’eroe del giorno solo per questa frase.

Non ci vuole tanto coraggio, direte voi, per pronunciare un discorso preconfezionato da mesi. Figuratevi, so distinguere tra la spontaneità di un adolescente e la scaltrezza di un politico di lungo corso. So bene che dietro ciascuna di quelle sillabe aleggia lo zampino dei più avveduti spin doctors, ma forse ho raggiunto l’età minima per capire che non sempre la forma è vuota, non sempre la retorica è inutile, non sempre c’è menzogna in ciò che è studiato a tavolino. E le parole, come sempre, hanno un peso.

Fateci caso, Romney avrebbe potuto dire «mi auguro che il Presidente Obama abbia successo», oppure «lavorerò affinché il Presidente Obama abbia successo». Ha detto “pregherò”. Sorprende e suona strano, per noi europei ipermoderni (secondo noi), questo “indiscreto” cenno a Dio, all’idea che davvero possa entrare nella storia e cambiarla accanto a chi ne ha il timone. Parole del genere, qui, suonano da tempo bigotte, irrazionali, medievali. Se ne ha quasi vergogna, in pubblico.

Non nel Nuovo Mondo, dove si impone, finanche nella retorica politica, questo dichiaratissimo bisogno di Lui. Eroe del giorno, allora, è Mitt Romney, perché non si vergogna di dire che prega e che c’è bisogno di Dio. Eroica è con lui tutta l’America (cattolica e protestante), che non si sente tanto evoluta da doverci per forza ridere su. Come fa, invece, l’Europa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi