Google+

Mitt Romney e l’America che non si vergogna di pregare

novembre 8, 2012 Pino Suriano

«Prego perché il Presidente Obama abbia successo nel guidare la nostra nazione». Mitt Romney, candidato sconfitto alle presidenziali Usa, è l’eroe del giorno solo per questa frase.

Non ci vuole tanto coraggio, direte voi, per pronunciare un discorso preconfezionato da mesi. Figuratevi, so distinguere tra la spontaneità di un adolescente e la scaltrezza di un politico di lungo corso. So bene che dietro ciascuna di quelle sillabe aleggia lo zampino dei più avveduti spin doctors, ma forse ho raggiunto l’età minima per capire che non sempre la forma è vuota, non sempre la retorica è inutile, non sempre c’è menzogna in ciò che è studiato a tavolino. E le parole, come sempre, hanno un peso.

Fateci caso, Romney avrebbe potuto dire «mi auguro che il Presidente Obama abbia successo», oppure «lavorerò affinché il Presidente Obama abbia successo». Ha detto “pregherò”. Sorprende e suona strano, per noi europei ipermoderni (secondo noi), questo “indiscreto” cenno a Dio, all’idea che davvero possa entrare nella storia e cambiarla accanto a chi ne ha il timone. Parole del genere, qui, suonano da tempo bigotte, irrazionali, medievali. Se ne ha quasi vergogna, in pubblico.

Non nel Nuovo Mondo, dove si impone, finanche nella retorica politica, questo dichiaratissimo bisogno di Lui. Eroe del giorno, allora, è Mitt Romney, perché non si vergogna di dire che prega e che c’è bisogno di Dio. Eroica è con lui tutta l’America (cattolica e protestante), che non si sente tanto evoluta da doverci per forza ridere su. Come fa, invece, l’Europa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana