Google+

Meriam: «Non so se in futuro mia figlia avrà bisogno di un sostegno per camminare o no»

luglio 2, 2014 Redazione

meriam-sudanMeriam Yehya Ibrahim ha parlato in un’intervista telefonica alla Cnn. La donna, al centro di un caso internazionale di cui vi abbiamo spesso parlato, ha raccontato tutto il proprio sconforto: «Ogni giorno mi creano un problema che mi impedisce di partire», ha detto.

Il luogo in cui si trova è sicuro, ma poco confortevole. Anche alla Cnn, Meriam ha narrato le ore del parto e del suo timore che la figlia, Maya, possa aver subito durante il parto lesioni che le rimarranno per tutta la vita. «Mi è stato negato l’accesso ad un ospedale – ha spiegato – e l’unica cosa a cui pensavo era al figlio che stavo per partorire, ero spaventata di doverlo fare in carcere. Ho dato alla luce il mio bambino incatenata, non avevo le manette, ma avevo le catene alle gambe. Non potevo aprire le gambe, quindi le donne che mi assistevano dovevano sollevarmi dal tavolo. Non so se in futuro [mia figlia] avrà bisogno di un sostegno per camminare o no».

La donna ha respinto le accuse che le sono state mosse di aver falsificato i documenti per poter uscire dal paese: «Non ho mai falsificato alcun documento. Come possono essere sbagliati? Sono legali al 100 per cento, sono stati approvati dall’ambasciatore del Sud Sudan e dall’ambasciatore americano. È l’ambasciata del Sud Sudan che si è presa la responsabilità di rilasciare le carte. È nel mio diritto utilizzare questi documenti e avere un passaporto sudanese del sud, perché mio marito è un cittadino del Sud Sudan. Ha un passaporto americano e il passaporto sud sudanese».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana