Google+

L’operoso affannarsi degli ambulanti. Il mercato è un veliero

luglio 14, 2013 Marina Corradi

Milano, sabato 6 luglio. Non ancora le sei e mezza del mattino. In via Fauché, dalle parti della Fiera, il silenzio dell’alba è infranto dall’insediarsi del mercato rionale. Arrivano i camion carichi di frutta e verdura, con manovre lente e esperte gli autisti parcheggiano, in un odore acre di scarichi di motori diesel.

Il bar all’angolo è già aperto, già va a pieno regime la macchina del caffè, veloci le mani del barista dietro al bancone riempiono le tazzine; e un aroma aspro se ne alza, lo straordinario profumo del mattino.

Fuori, lampeggiano le luci di posizione dei camion, si aprono i portelloni, con i muletti si scaricano pile di casse di merci dall’aspetto pesantissimo. I ragazzi del mercato saltano agilmente su e giù dai camion, sollevano, spingono, aprono. Pare quasi che il lavoro non gli costi fatica. Attorno, Milano dorme ancora.

Ora è un gran daffare ad alzare le grandi tende sui banchetti, a tenderle con le corde, a fermarle con i pesi al suolo. Non basta un uomo solo per farlo, e fra ambulanti ci si aiuta vicendevolmente; con pochi ordini gridati, in rapidi gesti di un’abilità consumata i tendoni si aprono e si allargano lungo la via, ordinati. (A che somiglia questo gran lavorio di corde, di teli che si distendono, di voci che si accavallano, gridate? All’armarsi di un vascello che si prepara a salpare, ecco cosa ricorda questo operoso affannarsi).

E ora cominciano ad allineare verdura e frutta sui banchi. Pesche, albicocche, prugne: tutte le sfumature del giallo e dell’arancio e del rosso si dispongono, belle, una dopo l’altra lungo un lato della via. E ti arriva alle narici l’odore dolce del melone, e la fragranza del Mediterraneo dai vasetti del basilico. Che ben di Dio, che abbondanza in queste falangi di verdure, e come luce il viola scuro delle melanzane. E l’anguria? Così tagliata, bianca e sanguigna, sembra il cuore stesso dell’estate.

Poi arrivano gli ambulanti del pesce, e si allarga per via Fauché l’odore del mare. Poi arrivano quelli dei formaggi, e allineano fieramente sul banco grandi tome: sanno di stalla, e di alpeggio. E ancora i venditori di tende e di stoffe appendono i loro drappi sgargianti, e quelli di scarpe pazientemente dispongono sandali sul banco, una scarpa per paio. Scatole, scatole, cartoni, casse, che gran travaglio è il mercato. E tuttavia questa gente sveglia dall’alba canta, spesso, o fischietta, disponendo la merce. Sembra contenta, la gente del mercato, stamane.

E ora che quasi tutto è pronto perché alle otto le prime donne possano far la spesa, l’immagine che ti resta negli occhi è di quelle corde all’alba tese come cime, e teli come vele, e pesi di cemento calati a terra, come ancore in porto. In un grande, vivo vociare. È un veliero il mercato stamattina, pronto a salpare sull’asfalto caldo di luglio. Come una folata di vento, tra le nostre case grigie.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana