Google+

Il dolore indicibile della signora D.

luglio 7, 2013 Marina Corradi

Vorrei fare un piccolo esperimento. Provate a leggere. A chi inoltrereste, per competenza, queste righe? A uno psichiatra, a un prete, o suggerireste al mittente una osteria dove si beva del vino buono? Leggete. Ditemi voi chi è, il destinatario opportuno.

Questa sera c’è un gran vento che agita i rami degli alberi davanti alle finestre. La signora D. è sola in casa. Ed eccolo che nel silenzio, puntuale, ineludibile viene a galla.

È come un tenuo rumore che viene da dentro di lei, insistente. Un dolore sordo e costante, una ferita che ha addosso da sempre. Come se lei fosse vecchio legno, roso da un tarlo. Ed è così, fin da quando era bambina.

La signora D. non ne parla mai, come non si parla di ciò che è indicibile. Anzi le sue giornate sono sempre un affannoso tentativo di zittire quel maledetto tarlo. Che non esiste affatto, è chiaro, suvvia. Eppure rode, lei lo sente, e soprattutto sente, aperta, la ferita.

È come il marchio di una profonda, viscerale nostalgia. Di cosa? Di qualcosa di incolmabile. È una voragine che ha dentro. (E ha speso la vita per cercare di dimenticarsene, raccontandosi che è cosa da niente). Ma il fatto è che certi giorni, come questa sera, fa male proprio come una lacerazione non rimarginata e inguaribile. Non cicatrizza mai, questa ferita. E, davvero, lei ha passato tutta la vita a fare finta di niente.

Quando il dolore è troppo forte, la signora D. può solo dormire, per scappare. Quando era più giovane partiva, come fosse inseguita, e andava in luoghi diversi e lontani, illudendosi che là avrebbe trovato pace. Ma nessun altrove bastava mai, e con un’ansia più urgente addosso D. doveva tornare, in fretta, a casa.

Oggi non parte nemmeno più, non si illude più che alcun “lontano” possa calmarla. Non è alcun luogo, ciò di cui lei ha questa straziata nostalgia. È un tempo, allora? Ma quale, se già da piccola portava addosso, incisa, come la memoria di qualcosa che non sapeva? (Eppure, si dice la signora D., si può avere nostalgia solo di qualcosa che si è sperimentato).

Certi giorni, questa malinconia oscura diventa dirompente. Come fosse un mare, normalmente calmo, che quando però si alza il vento schianta poderoso le sue onde contro la riva. Al confronto di questa onda possente, ogni cosa perde di significato. Dormire, dormire, bisognerebbe allora, di un sonno profondissimo e, per carità, senza sogni. Non parla mai con nessuno, la signora D., di questo dolore senza un oggetto, né un nome. In questa sera irrequieta di vento però non riesce a tacerne a se stessa. C’è qualcuno che sa di cosa sta parlando, che conosce questo irraggiungibile altrove? O forse, come ha detto un saggio, «di ciò che non si può parlare occorre tacere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. carla acerbis scrive:

    potrei essere io il destinatario della lettera cosi come un mittente che parla a se stesso, cara signora d non so usarun compuyer e non so dove spariranno le l parole e che stentatamente scrivo. ma e cosi anche per me e non sono bastati 53 anni di vita per colmare quell angoscia eppure a volte posso prendere in mano quel dolore e pensare che mi e dato, non e opera mia ma dono fragilke e possente che mi rende unica e capace di piccoli gesti di amore,

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana