Google+

Ritorno a Marano Lagunare per un’anguilla memorabile. E un conto giustissimo

settembre 13, 2015 Tommaso Farina

ristorante-tre-canai-marano-foto-tommaso-farina-1

Pubblichiamo la rubrica di Tommaso Farina contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

A Marano Lagunare (Udine), il nostro lettore ama tornare: la nostra rubrica vi ha condotto, mano nella mano, a scoprire questo borgo medievale, isola di dialetto veneziano nel basso Friuli e sede di uno dei più importanti mercati ittici del Nord-est. A Marano, il pesce si cucina anche: e ad attendervi, troverete una pletora di trattorie. Menù? Quasi sempre, spaghetti con le vongole e fritto di pesce, solitamente surgelato.

Nei nostri viaggi, vi abbiamo svelato dove mangiare qualcosa di meglio: l’anno scorso, si trattò della Trattoria Barcaneta, oggi invece andiamo a pranzo ai Tre Canai. È un ristorante moderno sia nell’arredo (ma senza strafare) che nel concetto di cucina, e non ne uscirete scontenti.

Il locale si trova sullo stradone, fuori dal centro: accomodatevi a gustare i piatti non banali di Giorgio Dal Forno.

Dopo un preantipasto di crostino morbido con anguilla, potete entrare in medias res con le alici accompagnate da burro di Parmigiano delle vacche rosse e peperoni; con la meravigliosa anguilla affumicata con insalatina e maionese casalinga al tartufo; con le seppie trasformate in “tagliatelle” e servite con pomodorini, friggitelli e cipolle di Tropea. Non manca, in ogni caso, il grande classico di Marano: cappesante e canestrelli gratinati.

ristorante-tre-canai-marano-foto-tommaso-farina-2Di primo, un piatto della memoria: il passato di gò. “Gò” sarebbe il ghiozzo, un povero e simpatico pesce che, assieme a canestrelli e cozze, costituisce la base di una zuppetta corposa e invitante, un’antica ricetta di pescatori. Alternativa: gnocchetti con ragù di fasolari e “parmigiano di alghe” o taglierini con cappesante e spuma di porcini.

Da prenotare, tra i secondi, il “bisato in speo”, la vera anguilla allo spiedo. Noi, non avendola richiesta, ci siamo dedicati all’anguilla in umido con cipolla caramellata e crema di formaggio, memorabile.

Chiusa con millefoglie di pesche caramellate. Il vino? Si beve bene, anche se si può sempre migliorare. Conto giustissimo di 50 euro, con possibilità di menù guidati meno costosi.

Per informazioni
Ai Tre Canai
www.ristoranteaitrecanai.com
Via Udine, 36 – Marano Lagunare (Udine)
Tel. 043167020
Chiuso lunedì e martedì


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana