Google+

Mar cinese meridionale. Dal 12 luglio Pechino sarà «pronto alla guerra»

luglio 8, 2016 Leone Grotti

Martedì 12 luglio arriverà una sentenza che potrebbe scatenare un vero maremoto, fare della Cina uno Stato che viola il diritto internazionale e nella peggiore delle ipotesi scatenare anche una guerra. Il Tribunale arbitrale internazionale dell’Aia, infatti, dovrà dare un verdetto a riguardo di 15 casi specifici di dispute di sovranità tra Filippine e Cina nel Mar cinese meridionale. Il giudizio più atteso è quello sulla cosiddetta “nine-dash line”, ovvero la linea di nove trattini che delimita secondo Pechino le proprie acque territoriali.

ACQUE RICCHE E STRATEGICHE. Non si tratta di un problema minore di giurisdizione. Ogni anno cinquemila miliardi di dollari di merci attraversano il Mar cinese meridionale: chi lo controlla può scatenare una crisi internazionale in ogni momento e avere solidi argomenti per minacciare mezzo mondo. Inoltre, secondo alcune stime, sotto il Mar cinese meridionale giacciono dai 4 mila ai 25 mila miliardi di metri cubi di gas naturale e circa 30 miliardi di tonnellate di petrolio. Anche per questo, oltre che per la posizione, Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia accampano diritti sulle isole Paracels, Spratlys e sullo Scarborough Schoal.

ISOLE MILITARIZZATE. La Cina sostiene da anni che il 90 per cento del Mar cinese è di sua esclusiva proprietà, in barba al diritto internazionale (Unclos) che limita la Zona economica esclusiva di ogni Stato fino a 200 miglia nautiche dalla costa. Poiché non è mai riuscita a portare la legge dalla sua parte, né a comprare i paesi contendenti con i suoi negoziati bilaterali, ha deciso di prendersi le acque con la forza, trasformando artificialmente piccoli scogli in isole e dotandole di sistemi missilistici in grado di colpire aerei e navi nel raggio di 200 chilometri.

«PRONTI ALLA GUERRA». Stufi dell’arroganza cinese, e sicuramente con l’appoggio degli Stati Uniti, nel 2013 le Filippine sono ricorse all’Aia e il 12 luglio sono sicure di vincere. Ma la vittoria legale potrebbe aprire a scenari diversi. Pechino ha già definito la sentenza una «farsa politica» e annunciato che «non rispetteremo il verdetto». Ha poi minacciato gli Stati Uniti, consigliando di «parlare e agire con cautela e non intraprendere azioni che possano danneggiare la sovranità e gli interessi di sicurezza». I giornali eterodiretti dal regime comunista hanno scritto inoltre che il paese deve prepararsi anche «alla guerra» per difendere «i nostri diritti marittimi legittimi».

mar-cinese-meridionale-dispute

NAVI DA GUERRA E CACCIA. Ma questa non è solo una guerra di parole. Oggi gli Stati Uniti hanno annunciato che i suoi cacciatorpediniere nelle acque del Mar cinese sono passate di nuovo molto vicino alle isole reclamate da Pechino. Il portavoce della flotta americana nel Pacifico ha affermato che «i pattugliamenti vengono fatti in accordo alla legge internazionale» e hanno lo scopo di garantire la libertà di navigazione. L’anno scorso gli Usa avevano fatto una ricognizione con due bombardieri B52 vicino agli avamposti cinesi nell’arcipelago delle Spratly. Oggi la Cina potrebbe abbattere quegli aerei con i suoi sistemi missilistici.

FAR RISPETTARE LA LEGGE. Se sarà coerente con l’atteggiamento tenuto finora, la Cina rifiuterà il verdetto dell’Aia e velocizzerà ancora di più la militarizzazione delle isole. Gli Stati Uniti e l’Onu dovranno a quel punto decidere in che modo far rispettare il diritto internazionale. La speranza, ovviamente, è che nessuno ricorra alle armi. Ma questo punto non è scontato.

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

Forse la questione passa un po’ inosservata, dato che spesso la nostra attenzione è concentrata per lo più sulle prestazioni dei piloti tra i cordoli. Ma quanto è importante poter contare su abbigliamento e accessori adeguati per affrontare le competizioni in auto? Diremmo fondamentale, tanto più che tutto il “guardaroba” deve essere composto da indumenti che rispettino requisiti […]

L'articolo Tutto quello che serve per correre in auto secondo Alpinestars proviene da RED Live.

È l’anti-tedesca per eccellenza. Una delle poche berline alto di gamma in grado di fronteggiare a testa alta le rivali Audi, BMW e Mercedes-Benz. Jaguar XJ, dopo aver scardinato la tradizione del Giaguaro vestendosi di linee ardite e sinuose, si rinnova in vista del 2018 e amplia la gamma grazie alla strabordante XJR575 da 575 […]

L'articolo Jaguar XJ 2018: 575 cv al top proviene da RED Live.

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana