Google+

Mannino e il virus intestinale dei manettari

novembre 11, 2015 Redazione

«Non conta il giudizio, conta il pregiudizio». Interessante oggi l’editoriale di Michele Ainis sul Corriere della Sera. Il costituzionalista prende in esame le reazioni all’assoluzione di Calogero Mannino, il politico democristiano che, dopo un quarto di secolo passato nelle aule di tribunale, è stato assolto dall’accusa riguardante la presunta trattativa Stato-mafia. Più d’uno ha alzato il sopracciglio dopo la sentenza e, nota giustamente Ainis, questa è la tendenza di buona parte dell’opinione pubblica italiana dopo le assoluzioni. «Reazioni: sì, però… – scrive sul Corriere – C’è sempre un però, c’è sempre una virgola della sentenza d’assoluzione che si lascia interpretare come mezza condanna (in questo caso l’insufficienza delle prove), o magari c’è una dichiarazione troppo esultante del prosciolto, un suo tratto somatico tal quale la smorfia di Riina, una corrente d’antipatia che nessun verdetto giudiziario riuscirà mai a sedare».

SEMPRE COLPEVOLI. Ainis ce l’ha soprattutto con Antonio Ingroia: «Mannino sarà anche innocente, però non esageri, ha detto l’ex pm Antonio Ingroia in un’intervista a Libero. Lui invece esagera, come fanno per mestiere i romanzieri; e infatti ci ha promesso in dono un romanzo col quale svelerà le intercettazioni di Napolitano. Peccato che pure stavolta ci sia di mezzo una sentenza, oltretutto firmata dal giudice più alto. Giacché nel 2013 la Corte costituzionale – per tutelare la riservatezza del capo dello Stato – impose l’immediata distruzione dei nastri registrati, e dunque i nastri sono stati inceneriti, anche se nessuno può incenerire la memoria di chi li ascoltò a suo tempo. Come Ingroia, per l’appunto. Risultato: la Consulta ha sancito l’innocenza “istituzionale”» dell’ex presidente, l’ex magistrato ne dichiara la colpa. Risultato bis: anche in questo caso non conta il giudizio, conta il pregiudizio».

LA NOSTRA INNOCENZA. È successo già altre volte. Ainis cita i casi delle maestre di Rignano, giudicate innocenti, ma che hanno dovuto smettere di insegnare, e quello di Raffaele Sollecito, anche lui innocente, ma su cui si sono riversati quintali d’indignazione dopo la notizia che aveva vinto un bando della Regione Puglia per creare una start up. «Insomma – scrive Ainis –, alle nostre latitudini l’unica prova certa è quella che ti spedisce in galera, non la prova d’innocenza. E allora la domanda è una soltanto: perché? Quale virus intestinale ci brucia nello stomaco, trasformandoci in un popolo incredulo e inclemente? Chissà, forse siamo colpevolisti perché abbiamo perso l’innocenza: la nostra, non la loro».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. ftax scrive:

    Tutti gli italiani sono uguali, ma certi magistrati italiani sono più uguali degli altri…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

A fare da damigelle alla nuova SuperSport, vera regina dello stand Ducati all'Intermot, ci sono la Monster 821, le Panigale 1299 e le Multistrada 1200 m.y. 2017.

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana