Google+

L’unico mito buono è il mito morto. Boncinelli sul Corriere: staccate la spina a Mandela

luglio 5, 2013 Redazione

«Si può ingabbiare un mito e trattenerlo al di qua del precipizio? (…) Sembra che Mandela ci stia abbandonando, e con lui tramonterebbe uno degli ultimi grandi miti della nostra epoca, travagliata e disincantata. Quanto è opportuno sforzarsi di tenerlo in vita?».
Edoardo Boncinelli commenta così, in un articolo intitolato “Si può ingabbiare un mito della libertà?”, la notizia secondo cui Nelson Mandela sarebbe in stato vegetativo permanente, Corriere della Sera

«Nel caso di Mandela, la situazione sembra diversa e tutta giocata sulla sua nobiltà d’animo in vita e sul suo inesausto anelito di libertà. Forse quindi non è il caso di procedere oltre a tenere in gabbia un leone che in gabbia non ci è voluto mai stare».
E. BoncinelliCorriere della Sera

«Forse è sulla sua coscienza che dobbiamo interrogarci, più che sul suo corpo, anche se non c’è niente di più insondabile della coscienza di un altro. Questa coscienza ha visto tante, tantissime cose, belle e brutte, ha ricevuto un numero enorme di manifestazioni di devozione e di affetto. Forse ne vuole ancora; forse basta così; forse è il caso di lasciarlo andare a un altro, diverso, sogno. O forse allo stesso, congelato per sempre».
E. BoncinelliCorriere della Sera

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

7 Commenti

  1. LORENZO scrive:

    MA CHE FINE HA FATTO IL CORRETTORE DI BOZZE???

  2. giuliano scrive:

    ma staccare la spina a Edoardo Boncinelli non ci pensa nessuno ??

  3. paolo scrive:

    sig. Giuliano per cortesia prima di scrivere stronzate legga per intero l’articolo a titolo ”Si può ingabbiare un mito della libertà?”, e non solo il titolo frettoloso e fuorviante della recensione che appare su questo sito.

    grazie

    • Antony scrive:

      Infatti l’articolo non dice nulla di buono, hai ragione Giuliano, l’ho pensato anch’io che il Boncinelli farebbe meglio ha staccare la sua di spina!!! E poi aggingo a Paolo: sei più nella gabbia tu da vivo che Mandela in stato vegetativo!!!

  4. Pier scrive:

    No Giuliano , Bonicelli ha un altro problema, non deve staccarsi la spina, ma deve solo ricordarsi di accendere il cervello prima di scrivere un articolo.

  5. pb scrive:

    D’accordo con Lorenzo: ridateci il Correttore di Bozze!

  6. Nicola scrive:

    Per Hegel la lettura dei giornali era la preghiera che un vero laico recita al mattino

    Staccate la spina al Papa.

    E’ la terza volta in un mese che mi tocca far notare al correttore di B come il Giornale della famiglia B attacchi la chiesa e i cristiani : il signor Perna sul giornale ha fatto una figura di merda con il Ministro MAURO affermando che questi non avesse fatto il militare,ma il giorno dopo è stato prontamente e simpaticamente smentito dal Ministro che gli ha spedito una foto con la divisa da fante.
    Poi in articolo definisce il Ministro LUPI ( che io non stimo, ma sa nessuno è perfetto) l’eterno Peter Pan che non è ne carne ne pesce anzi lo definisce un opportunista ciellino.
    Oggi addirittura da spazio a MAGDI cristiano ALLAM (figlioccio del Ministro Lupi, che ha incontrato il cristianesimo per repulsione verso i mussulmani e non per attrazione verso Cristo) per attaccare la scelta del Papa di andare a Lampedusa a toccare con le sue mani la carne di Cristo, come ci ha detto il 18 maggio a Roma nell’incontro con i movimenti.
    Cosa ne pensa il correttore di B che sicuramente non è un CRISTIANO DA SALOTTO?
    Grazie

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana