Google+

Quando sono i maleducati a insegnarci l’educazione

maggio 21, 2015 Annalisa Teggi

no-expo-tia-sangermano-tgcomPubblichiamo la rubrica di Annalisa Teggi contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Matteo Renzi si è giocato l’asso del paradosso chestertoniano per replicare a Ferruccio De Bortoli che gli aveva dato del maleducato di talento. E la frase di Chesterton citata dal premier suona davvero bene: «Democrazia significa governo dei maleducati, mentre aristocrazia significa governo degli educati male», ma questa traduzione italiana è imprecisa, tanto che per rispettare il senso originale (che gioca su “uneducated” e “badly educated”), io mi sarei spinta a una versione libera: «Democrazia significa governo del volgo, mentre aristocrazia significa governo della volgarità».

Il volgo è ineducato, ed è sano; certi potenti sono talmente educati, da commettere delle volgarità. Un’educazione basata su ideologie riduttive e spregiudicate distorce il sano senso comune, che invece appartiene alla tradizione popolare, la quale è sempre stata custode delle verità umane basilari. Questo intendeva dire Chesterton, ed è senz’altro una provocazione, rivolta però al mondo della scuola più che al mondo della politica.

Intanto, mentre Renzi replicava a De Bortoli, un vero maleducato di talento come Roberto Benigni commemorava Dante al cospetto dei membri del Senato. E il suo è proprio un esempio di come un certo tipo di maleducazione sia un vero talento da mettere a frutto. La vivace irriverenza di Benigni ci ha senz’altro educato a Dante in questi anni, cioè ce lo ha restituito umano e vivo, mentre una certa imbalsamata cultura – fin troppo educata ed erudita – si limita ancora a venerarlo sul suo bel piedistallo, come ci s’inginocchia di fronte a un morto al cimitero.

Insomma, a volte serve un maleducato per ricordarci cos’è l’educazione. Mi spiego: studiare Dante, nella maggior parte delle nostre aule scolastiche, si riduce a fare la parafrasi. È educativo? Dubito. Eppure proprio la Divina Commedia comincia con un gesto educativo esemplare: Virgilio guida Dante fuori dalla selva e la prima cosa a cui lo introduce è il buio dell’inferno in cui risuonano urla e bestemmie. Ecco un vero gesto maleducato, che frantuma le formalità ed entra a gamba tesa nella sostanza del dramma umano.

La luce di una triste ribalta si è posata su Mattia Sangermano, il giovane intervistato durante gli scontri della frangia violenta dei No Expo a Milano, che aveva ingenuamente dichiarato il suo assenso a spaccare tutto. In una dichiarazione successiva, e dopo una bella lavata di testa da parte dei genitori, ha chiesto scusa, ma soprattutto ha mostrato con un candore disarmante, e molto probabilmente involontario, tutta la sua fragilità alle prese con la selva intricata della gioventù. A un certo punto ha detto: «Io sono ancora studente, purtroppo»; forse si riferiva a una carriera scolastica sfortunata o forse al poco entusiasmo verso la scuola, però quel “purtroppo” è la vera sfida della riforma scolastica. Quella che comincia in classe ogni benedetto giorno.

Forse è bene che gl’insegnanti non mettano in cantina gli altoparlanti usati durante il grande sciopero del 5 maggio, perché occorre che continuino ad alzare la voce anche in aula e che, metaforicamente s’intende, facciano i maleducati.

Sotto quel “purtroppo” è rintanato un grumo di confusa ma viva umanità che chiede un salutare spintone per uscire dalla sua selva, e non una carezza intellettuale.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download