Google+

Make Love, il manuale di educazione sessuale per le scuole che propone «orge a base di olio»

maggio 2, 2013 Correttore di bozze

Il Correttore di bozze consiglia a tutti i cattoliconi sessualmente repressi come lui di correre in libreria per aggiudicarsi una copia di Make Love, il pratico manuale della sessuologa Ann-Marlene Henning e della giornalista freelance Tina Bremer-Olszewski appena edito in Italia da Ippocampo che, come spiega Stefania Prandi nel sito del Fatto quotidiano, «in Germania ha venduto oltre 200 mila copie in pochi mesi ed è stato adottato come testo di studio nelle scuole». Le persone che fanno ancora all’amore vestite, come appunto il Correttore di bozze, potranno certamente trarvi utili spunti di riflessione per modernizzare le loro sciape notti erotiche.

Innanzitutto, il Correttore di bozze non vede l’ora di sfogliare le «numerose foto intime di coppie eterosessuali e omosessuali realizzate dalla coreana Heji Shin» a corredo del testo. Nessuno infatti può negare quello che è il presupposto del libro, ovvero che «viviamo in un’epoca di invasione pornografica – in rete, alla televisione, nelle riviste – ma di sessualità ne sappiamo davvero poco». E per resistere all’«invasione pornografica», niente di meglio che distribuire nelle scuole un bel libro tutto tempestato di foto intime. Meglio ancora se etero e omo, poiché l’invasione pornografica si combatte con la multidisciplinarità. Un po’ de qua, un po’ de là. Si chiama manovra a tenaglia.

Ma a ottimizzare la vita sessuale dei nostri ragazzi e del Correttore di bozze non saranno le foto di Make Love, bensì le imprescindibili istruzioni «per adolescenti che si avvicinano al sesso per la prima volta», scritte «senza vergogna, con un linguaggio sobrio, attraverso un apparato di note di carattere scientifico ed antropologico». Lo scopo del manuale è – spiega sempre il Fatto – imparare a «nominare in modo appropriato il sesso e tutto quel che gli ruota attorno» per «aumentare la consapevolezza di sé e degli altri». Giacché non potremo dire di aver fatto veramente il nostro mestiere di padri e maestri finché gli alunni continueranno a chiamare pisello ciò che invece è chiaramente un uccello. E viceversa.

Particolarmente utili appaiono poi, nel libro di Henning e Olszewski, le «indicazioni – anche pratiche, con esercizi da fare da soli o in compagnia – su come conoscersi e avventurarsi nel mondo del godimento». Se c’è una cosa su cui gli scolari sono deboli, infatti, è la pratica, che mai come in questo caso pare appropriato definire manualità. Un po’ di sano esercizio, da soli o in compagnia, li distoglierà certamente dall’angoscioso pensiero dell’invasione pornografica.

Il testo, anticipa la Prandi citandone un brano, «parte con indicazioni su come baciare (“Non si deve mai avere la lingua rigida, fare troppa saliva e l’elica, ruotando come una furia nella bocca dell’altro”)». Una lezione che sarebbe già da sola una rivoluzione, per il Correttore di bozze, che invece non avendo avuto la fortuna di poter studiare da giovane un libro come Make Love, baciando la sua Correttrice sbava e mulina come un colibrì, convinto per giunta di essere nel giusto. Ma questa opera meritoria non si ferma alle istruzioni per la corretta esecuzione del limone duro (in tedesco: harte Zitrone, ndCdb). Ci sono anche «spiegazioni sui diversi orientamenti sessuali, omosessualità, bisessualità, eterosessualità, con un paragrafo dedicato anche a pratiche come il travestitismo e alla questione della transessualità». C’è l’immancabile «focus sulle malattie a trasmissione sessuale (…) e sulle tipologie di anticoncezionali ormonali e a barriera, come il preservativo maschile e femminile». E soprattutto – prosegue la Prandi, seria – «il manuale si spinge oltre: senza falsi pudori offre nozioni e tecniche su come realizzare fellatio e cunnilingus (stimolazione orale del clitoride e della vagina) soddisfacenti per se stessi e per il partner». Massì, basta con i falsi pudori, i nostri figli non sono mica tutti dei correttori di bozze. A quindici anni hanno già fatto tutto. L’importante è che imparino a «nominare in modo appropriato il sesso e quel che gli ruota attorno». Il soffione si chiama fellatio e l’ammucchiata si chiama esercizi in compagnia. No bunga bunga.

E non è finita. Come illustra la recensione del Fatto questo capolavoro fornisce pure «descrizioni sul fetish, “con una mappa stellare per farsi un’idea di che cosa c’è lì fuori” che passa dalla descrizione di pratiche come l’urofilia, il Bdms e l’utilizzo delle lenzuola in vinile “con cui vivere la sessualità in modo nuovo, perfette per un’orgia a base di olio”». Ah, la bella urofilia! Un tema perfetto per riconquistare l’attenzione della classe tra le guerre puniche e la fotosintesi clorofilliana. (Per l’orgia a base di olio, invece, meglio sfruttare la ricreazione). Basta così? No. Ancora la Prandi, sempre seria: «Il libro di Henning e Olszewski rompe infine gli schemi considerando opzioni come l’uso di dildo e strap-on», che non è la cara vecchia strappona di correttoriana memoria. Tutt’altro. È un temibile «sex toy a forma di pene indossabile con cintura» che le leggiadre fanciulle teutoniche dotate di un certo livello di istruzione utilizzano «per regalare anche ai maschi eterosessuali la chance della penetrazione anale». Proprio così. La chance della penetrazione anale.

E fortuna che nel libro «più volte viene ripetuta l’indicazione che si deve dire di sì solo quando se ne ha voglia», sospira di sollievo il Correttore di bozze. Ricordate: «Il no è sempre legittimo e deve essere rispettato, anche se arriva all’improvviso». Come pure all’improvviso, del resto, arrivano le migliori chance.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

13 Commenti

  1. giovanna scrive:

    Caro correttore di bozze, non vorrei darti una delusione, ma tutti questi argomenti sono ben trattati nella rubrichetta sul sesso dedicata ai minorenni sul nostrano settimanale Donna moderna.
    Aggiornati !

  2. Stefano scrive:

    Mi è capitato di ascoltare in autobus un colloquio fra tre sedicenni (ragazze) e non avevano certo bisogno di ripetizioni.
    Una roba da far rabbrividire, neppure nelle migliori giornate di ozio in caserma si arrivava a simili livelli. Vedo nuvole nere all’ orizzonte per le nuove generazioni.

    Ma come possiamo invertire una tendenza culturale tanto indecente?

  3. marzio scrive:

    Ai geniali autori del manuale bisognerebbe davvero dare per via orale dell’olio……..di ricino, ah ah ah!, cosi potranno “liberarsi” in ogni senso!

  4. sindar scrive:

    Aggiungerei che, nella vita come nel libro, se non si sta costantemente in campana le migliori chance oltre che all’improvviso arrivano da dietro….

  5. GiGi scrive:

    La vera tristezza e leggere i vostri commenti e vedere come siete bigotti e trattate ancora nel 2013 il sesso come un tabù….patetici….

    • Su Connottu scrive:

      A me invece fa sbellicare la coda di paglia di GiGi, forse colto sul vivo dei propri passatempi solitari. GiGi, scusa se qualcuno ancora riconosce la differenza tra un essere umano e un suino, e magari ci ride sopra. Non sentirti offeso, non ce l’avevano con te in particolare…

      • GiGi scrive:

        tranquillo che non è disicuro del vostro giudizio che mi offendo… siete talmente miopi e medioevali nel vostro pensare, che nn vi accorgete neanche di quanto siete redicoli.

        • Su Connottu scrive:

          Ok, è vero, forse dovremmo essere un po’ più autoironici.
          Però ci accorgiamo perfettamente di quanto siate ridicoli tu e i tuoi maître à penser quando vi producete in queste scompiscianti performance. E’ come sparare a un’ambulanza, lo ammetto.

          Make Love, GiGi. Don’t be shy :)

          • GiGi scrive:

            la sfera sessuale di un’individuo è una cosa talmente privata e personale che nessuno può giudicare quella di un altra persona; una volta che si tratta di persone adulte e consenzienti ovvio.

            • Su Connottu scrive:

              Certo, una sfera talmente privata e personale che se ne pubblica un libro “fotografico” (non si sa mai che qualcuno capisca fischi per fiaschi) con tanto di candidatura all’adozione nel circuito scolastico. La tua logica è stringente.
              GiGi, tu spari sentenze gratis e a palle incatenate su tutto e su tutti, però fai il broncio se qualcuno si fa quattro sonore risate su un libro (involontariamente) comico.
              Non ti sembra di esagerare?

              • GiGi scrive:

                Guarda che ti sbagli, non faccio il broncio, dico solo che i commenti sopra sono ammisibili fino a 14 anni, dopo se li si fa si è solo stupidi. semplice e lineare….

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana