Google+

Magari non costa poco, ma la cucina è veramente cinese

gennaio 12, 2014 Tommaso Farina

ristorante-cinese-milanoTra bettole puzzolenti e locali ultramoderni, tra all you can eat catastrofici e trattorie disadorne nelle Chinatown delle grandi città, a volte fa piacere tornare in un ristorante cinese “ancien régime”. Un posto come il milanese Shangri-La. Sala con boiserie, lampade in tema, statue, stampe, perfino l’acquario: sembra la solita sorpassata paccottiglia cinese, invece è un ambiente di sontuosità sottile e raccolta. Tavoli con sedie grandi, bei bicchieri, piatti di porcellana decorata. Cameriere gentili, sorridenti e bellissime. Significativo che al timone ci sia una donna, simpatica ed elegante.

Ma come si mangia? La cucina è cinese, e indaga su Shanghai e Pechino oltre a presentare qualche prevedibile gusto cantonese. I ravioli al vapore non sono quelli finto-cantonesi surgelati che servono in tanti ristoranti cinesi al risparmio, ma sono alla pechinese (piccoli e di carne) o alla Shanghai, che sarebbero i famosi Xiao Lon Pao tondi.
Di cantonese, permangono i soliti Shu Mai e i meno soliti Ha Kau, ambedue di gamberetti. Poi, una zuppa come quella di spaghetti di riso e anatra. O magari sceglietela dalla lista di pietanze thailandesi, da sempre caratteristica del locale: per esempio, la zuppa di pollo e salsa di cocco.

milano-ristorante-cineseProseguendo, tra i piatti cinesi ecco il polpettone di maiale al vapore con pesce salato, semplice ma particolarissimo. Ghiotti, tra i thailandesi, gli straccetti di manzo con salsa al curry verde, o i medesimi al curry rosso. Tra i piatti più elaborati, il riso soffiato croccante con vari condimenti, tipo gamberi in agrodolce. Perfino il solitamente micidiale gelato fritto qui è buono, miracolo. E addirittura col menù ti portano una carta dei vini che non sarà da super intenditori ma è molto più corposa della media nei ristoranti cinesi.
Il conto? Diciamo che per un bel pasto potreste spendere 25-30 euro: forse qualcosina di più rispetto ai ristoranti super low cost, ma, tanto per essere precisi, qui è molto superiore la qualità. Della gentilezza del servizio abbiamo già detto.

Per informazioni
Shangri-La
www.ristorantecineseshangrila.com
Via Lazzaretto, 8 – Milano
Tel. 02 29510837 – Chiuso martedì a pranzo

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. bernie scrive:

    ma che belli sono gli interni del ristorante??
    mi intrippano un casino !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana