Google+

Mafiosi capitali o no? A casa mia si chiamano piuttosto caciottari

maggio 9, 2017 Alessandro Giuli

Mafia RomaMaf

Pubblichiamo la rubrica delle “lettere al direttore” contenuta in Tempi n. 18 (vai alla pagina degli abbonamenti). Per scrivere ad Alessandro Giuli: direttore.giuli@tempi.it

Egregio direttore, sono un giovane e fedele abbonato del vostro settimanale, in bilico tra la nostalgia di un Tempi quasi integralmente “amiconiano” e l’attuale formula che compenetra la gloriosa identità e storia della testata con una componente di ascendenza fogliante che non impoverisce, bensì arricchisce la prospettiva. Con piacere ho constatato la sua partecipazione alla trasmissione Mi manda Rai 3 nella puntata in cui veniva affrontato l’annoso problema della qualità della salute orale; nello specifico il suo intervento è provvidenzialmente succeduto al legittimo quesito di un telespettatore che lamentava l’incapacità del sistema sanitario nazionale di offrire a tutta la popolazione le cure dentistiche. Lei ha replicato affermando che in Italia il “diritto al sorriso” purtroppo non esiste e spesso costituisce un lusso e un segno di distinzione sociale. Non posso darle torto sul fatto che l’attuale configurazione sanitaria assecondi la visione che avete descritto, tuttavia da studente di odontoiatria mi sento di sottolineare come la salute orale, invece, non possa essere considerata una salute “di serie B”, in quanto è intimamente connessa con la salute del resto del corpo, e come strida che essa non venga garantita alla stregua delle altre prestazioni sanitarie. Conscio che la tematica possa essere di vivo interesse per tutti i lettori, vorrei consigliarvi di affrontarla in un vostro prossimo numero, al fine di poter sia proporre soluzioni sia sensibilizzare, ponendo anche l’accento sul valore della prevenzione non solo domiciliare, ma soprattutto professionale come fattore determinante nella riduzione dell’onere per singolo paziente al fine di ampliare a tutti la possibilità di una bocca sana.
Daniele Laganà via internet

Richiesta accolta, mettiamo in cantiere (con un grande sorriso per lei).

***

Vorrei ringraziare Tempi oltre che per gli interessanti articoli in generale, in particolare per la segnalazione del libro con le conferenze di Stravinsky firmata da Raffaello Vignali. Veramente da acquistare, bellissimo il passo sulla libertà, sarebbe da far leggere nelle scuole.
Pasquale Ciaccio via internet

***

In tempo di dichiarazioni dei redditi si leggono sui giornali e su internet interventi stravaganti a proposito della scelta della confessione religiosa per l’assegnazione dell’otto per mille. Si tratta di un contributo devoluto dallo Stato itaiano alla Chiesa cattolica a parziale ristoro del valore dei tesori monumentali e artistici incamerati dallo Stato italiano a seguito dell’occupazione di Roma e dello Stato vaticano… In virtù dell’accordo di revisione del Concordato fra Stato italiano e Chiesa cattolica venne introdotto il contributo dell’otto per mille a valere sul complesso degli incassi Irpef. In anni recenti questo beneficio è stato esteso alle confessioni religiose presenti in Italia. Adesso su internet c’è chi invita ad assegnare l’otto per mille alla Chiesa ortodossa perché accoglierebbe «gli unici cristiani rimasti». Un utente è giunto a scrivere «i soldi a quel buffone del Papa non li lascio più». A questo punto sono intervenuto a mia volta per far presente che il Papa intrattiene ottimi rapporti con le chiese ortodosse, situazione preliminare a un molto probabile loro rientro nel grande alveo della Chiesa cattolica, affidata da Gesù a Pietro. Il che contraddice chi insinua speciosamente che gli ortodossi sarebbero gli ultimi cristiani rimasti. 
Bruno Mardegan Milano

***

Caro direttore, non ho ancora capito se Mafia Capitale esiste o no. Ero rimasto a questo punto: a ottobre la procura di Roma aveva chiesto l’archiviazione per 116 indagati, a febbraio di quest’anno il gip ha accolto la richiesta d’archiviazione per 113 di questi. Secondo il magistrato non c’erano «elementi idonei a sostenere l’accusa in giudizio». Adesso leggo che la procura di Roma chiede in totale 515 anni di carcere per 46 imputati. E solo a 19 di loro, fra i quali Carminati (28 anni), Buzzi (26 anni e tre mesi), Panzironi, Gramazio, Brugia e Testa, viene contestata l’associazione di stampo mafioso.
Pasquale Feroci Avellino

Caro dottor Feroci, stando al suo resoconto: 19 mafiosi su 159 indagati, di cui 113 subito archiviati. Nemmeno un condominio di mafiosi, in una città di quattro milioni e trecentomila abitanti (topi esclusi). In fondo, a voler essere precisi, ha detto tutto il procuratore aggiunto Paolo Ielo nel corso della sua requisitoria, suggerendoci che «gli appalti della pubblica amministrazione sono stati gestiti come fette di una caciotta, un qualcosa da spartire e non certo facendo attenzione al bene comune». A casa mia questi non si chiamano mafiosi, si chiamano caciottari.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Più potenza, meno pressione” è il claim con cui i progettisti Northwave raccontano le nuove Ghost XC, scarpe dedicate all’off-road. Riprendono le principali innovazioni lanciate lo scorso anno con le sorelle stradali Extreme RR (leggi la nostra prova), caratterizzate dalla tecnologia XFrame® studiata per eliminare il problema dei punti di pressione sulla tomaia. CALZATA ADERENTE […]

L'articolo Northwave Ghost XC, il futuro off-road proviene da RED Live.

Gli strani casi della vita. La Lotus meno apprezzata dell’epoca moderna è anche la sportiva di Hethel più potente mai realizzata. La Evora, coupé 2+2 caratterizzata dalla scocca in alluminio e dalla collocazione centrale del motore, in vista del Salone di Francoforte beneficia dello step più spinto di sempre del V6 3.5 Supercharged: ben 436 […]

L'articolo Lotus Evora GT430: prima in tutto proviene da RED Live.

A ricreare l’atmosfera della Ville Lumière c’erano la voce inconfondibile di Edith Piaf, i vol-au-vent e il bistrot al 10 di Corso Como. Ma soprattutto lei, La Parisienne. Una versione esclusiva di Twingo che riprende, nella particolarità dei motivi scozzesi sulle fiancate, uno dei successi di Renault degli anni ’60, la R4 Parisienne. Ispirazione vintage […]

L'articolo Renault Twingo La Parisienne proviene da RED Live.

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana