Google+

«Ma non sei te che ti occupi di lavoro?». La figuraccia della Madia

dicembre 20, 2013 Redazione

Gentile responsabile del Lavoro del Pd, lei ha sbagliato ministero. È la divertente gaffe, raccontata ieri sul Tempo, di Marianna Madia, appena nominata nella squadra della segreteria di Matteo Renzi con il compito, appunto, di occuparsi di tematiche riguardanti il lavoro e l’occupazione. La giovane piddina, «proprio per scansare le polemiche sulla sua presunta inesperienza nei dossier economici», si è recata al ministero dello Sviluppo Economico, guidato dal compagno di partito Flavio Zanonato. Sebbene non avesse un appuntamento, Zanonato ha deciso di riceverla. «Piccoli convenevoli – ha raccontato il Tempo –, e poi subito il punto. Con stile asciutto e professionale ha chiesto al ministro dettagli sulle politiche del lavoro, ha ipotizzato interventi per l’occupazione giovanile nell’ambito dello “Youth Guarantee”, il programma europeo che stanzia fondi per dare lavoro alla giovani generazioni. Con ciò dimostrando una visione di ampio respiro sovranazionale su uno dei temi che interessano maggiormente gli italiani. Poi ha chiaramente chiesto l’appoggio di Zanonato per iniziare a concretizzare le sue idee nei testi legislativi e nelle future misure governative».

E fin qui, tutto bene. Solo che Zanonato, tra lo stupito e il divertito, lasciata terminare la giovane collega, le ha fatto i complimenti per la sua verve ma le ha fatto notare che di tali tematiche è meglio ne discuta con il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini. Silenzio. Poi la Madia ha chiesto: «Ma scusa ministro, ma non sei te che ti occupi di lavoro?». «No». Zanonato ha quindi accompagnato Madia alla finestra per mostrarle che, dall’altra parte della strada si trova il ministero del Lavoro. È quello là, ha indicato col dito: «Hai sbagliato indirizzo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. malta says:

    inizia bene

    • Gabriele says:

      Il problema di Renzi (e pure di Grillo) e che i suoi volti nuovi sono scelti solo in base all’essere giovani. ma senza talento (ed esperienza, almeno l’abc) essere giovani non basta.

      • Giulio Dante Guerra says:

        Povera “sora Marianna”, in fondo ha solo scambiato, in una strada di Roma, il lato destro col sinistro. Queste confusioni fra “destra” e “sinistra” non capitano, in questi tempi di super-confusione post-ideologica, anche in politica? Considerando le simpatie che il suo neo-segretario di partito sta raccogliendo in ambienti ex-berlusconiani, la definirei “più renziana di Renzi”…

  2. Demetrio says:

    E poi si dice “non sei TU”.

    Il tè si beve alle cinque coi pasticcini.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download