Google+

Macbeth nella terra passionale di Emma Dante

luglio 3, 2017 Nicole Jallin

18.06.17, Teatro Regio di Torino, Stagione 2016-2017, "MACBETH" di Giuseppe Verdi, Regia Emma Dante, Dir.Orch. Gianandrea Noseda-Prova Generale -

Chi conosce il teatro di Emma Dante troverà familiari alcuni passaggi, movimenti e concezioni: il che non significa ridondanti o ripetuti, ma piuttosto s’intende quella dose d’intimità (più che d’immediata consuetudine), di calorosità (più che d’impulsivo richiamo) che fa parte di una genetica stilistica radicata nel carnalità di corpi e menti, nella loro necessaria connessione con la terra, piena di polvere e tradizione, di discendenza sanguigna e rituale.

Parla direttamente ai cuori e alle teste – questo fa, con veemenza e dolcezza, il teatro della Dante -, e coniugare tale linguaggio scenico con un’opera complessa e incantevole come il Macbeth di Giuseppe Verdi, è una sfida molto seria che pone in sintonia i Cantanti con l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio, per direzione del maestro Giulio Laguzzi – in sostituzione del maestro Gianandrea Noseda -, e con gli attori della Compagnia Sud Costa Occidentale e gli allievi della Scuola del Biondo di Palermo, avendo come risultato (interpretativo, visivo, musicale, registico) un fascino sorprendente.

I quattro atti – che seguono la seconda versione del melodramma, quella del 1865, con il finale della prima versione datata 1847 – condensano un’atmosfera cupa e misteriosa (le scene si devono a Carmine Maringola, i costumi a Vanessa Sannino, le luci a Cristian Zucaro), estremamente fisica se non animalesca (complici le coreografie di Manuela Lo Sicco e le azioni con le armi guidate da Sandro Maria Campagna), che dona concretezza singolare, inedita anche a quel che è fantastico, astratto, psichico o patologico.

Già dal Preludio si sviscera una cifra primordiale, ancestrale, tra incursioni spasmodiche di satiri muniti di grandi genitali e streghe che di loro saranno presto gravide, mentre il moto costante di un telo di seta insanguinata “partorirà” Macbeth (un molto lodevole Gabriele Viviani) su un destriero scheletrico di losco presagio. Ma atavica è sopratutto la femminilità, che racchiude nell’anatomia di donna l’insaziabile e fatale sete di potere, di (auto)distruttivo dominio fisico e mentale: sia quella bramosa e bestiale (con tanto di pesante pelliccia) di Lady Macbeth – Oksana Dyka è a dir poco encomiabile -; sia quella contorta, agitata delle streghe, generatrici perpetue di presagi e di figli, partoriti/gettati, nel terzo atto, direttamente nelle caldaie.

E non è solo la dimensione spaziale e temporale ad avere tinte sinistre e oscure, in questo luogo che definiremmo “altro” che tende a coordinate decisamente più meridionali che scozzesi: se non altro perché la foresta di Birnam sarà qui una spinosa distesa di fichi d’India. Lo è anche la natura dei personaggi, la loro emotività e persino il loro sentire, il loro pensare, o meglio, il loro pensiero dilaniato da paure, morbose ambizioni, ossessioni, deliri. È lì che il germe della follia cresce. Si fa largo tra le linee gotiche più stilizzate e raffinate del castello, dove una serie di gigantesche corone/cancelli sono emblematica coincidenza tra smania di egemonia e mortale prigione. Si fa largo tra i toni scarlatti di un banchetto che evoca esplicitamente quello dei Cani di bancata della stessa Dante; tra le angoscianti visioni di Macbeth che lo portano a svenire come in una Pietà tra braccia di spiriti. Fino al bianco e asettico spazio del sonnambulismo di Lady, che c’immerge nella sua mente allucinata, costretta tra mobili letti d’ospedale ed erosa da se stessa e dall’insonnia.

MACBETH

C’è dunque una complessità estetica che suscita anche particolare commozione, come per la morte di Duncano (Francesco Cusumano) che, a fine primo atto, conduce il defunto re in una rituale processione per offrirlo quale Cristo sacrificale, inerme, spento, eppur drammaticamente umano; così come, all’inizio dell’ultimo atto, l’avanzare del coro di “Patria oppressa” evoca profughi di ieri e di oggi nelle ombre nere che si stagliano sullo sfondo o che si dispongono al suolo allineati a morte.

È un lavoro intenso, questa coproduzione del Massimo di Palermo col Regio di Torino e con l’Associazione Arena Sferisterio – Macerata Opera Festival. Ed è un lavoro memorabile: per complice sforzo registico e recitativo, per ispirazione creativa e stilistica, intesa di direzione, e per personale lettura artistica di un’opera senza tempo che difficilmente, molto difficilmente si dimenticherà.

MACBETH
Melodramma in quattro atti
Libretto di Francesco Maria Piave [e Andrea Maffei]
dall’omonima tragedia di William Shakespeare
Musica di Giuseppe Verdi

Personaggi Interpreti

Macbeth, generale dell’esercito
del re Duncano baritono Dalibor Jenis/Gabriele Viviani*

Lady Macbeth,
moglie di Macbeth soprano Anna Pirozzi/Oksana Dyka*

Banco, generale dell’esercito
del re Duncano basso Vitalij Kowaljow/Marko Mimica*

Macduff, nobile scozzese,
signore di Fiff tenore Piero Pretti/Giuseppe Gipali*

La dama di Lady Macbeth
soprano Alexandra Zabala

Malcolm, figlio di Duncano
tenore Cullen Gandy/Alejandro Escobar (1)/Sabino Gaita (2)

Il medico baritono Nicolò Ceriani/Lorenzo Battagion (25, 1)/Enrico Bava (27, 28)

Un servo di Macbeth e l’Araldo basso Giuseppe Capoferri/Desaret Lika*

Il sicario baritono Marco Sportelli/Davide Motta Fré*

Prima apparizione baritono Lorenzo Battagion/Riccardo Mattiotto*

Seconda apparizione voce bianca Francesca Idini/Elettra Pistoletto*

Terza apparizione voce bianca Anita Maiocco/Filippo Chiappero*

Duncano, re di Scozia mimo Francesco Cusumano

Fleanzio, figlio di Banco mimo Nunzia Lo Presti

Direttore d’orchestra Gianandrea Noseda/Giulio Laguzzi (27, 28, 29, 30 1, 2)

Regia Emma Dante

Scene Carmine Maringola

Costumi Vanessa Sannino

Coreografia Manuela Lo Sicco

Maestro d’armi Sandro Maria Campagna

Luci Cristian Zucaro

Assistente alla regia Giuseppe Cutino

Maestro del coro Claudio Fenoglio

Orchestra e Coro del Teatro Regio
Attori della Compagnia di Emma Dante
e Allievi della Scuola dei mestieri dello spettacolo del Teatro Biondo di Palermo
Solisti del Coro di voci bianche del Teatro Regio
e del Conservatorio “G. Verdi”
Nuovo Allestimento
in coproduzione con il Teatro Massimo di Palermo
e l’Associazione Arena Sferisterio – Macerata Opera Festival

Giugno 2017: Mer 21 h 20, Gio 22* h 20, Dom 25 h 15, Mar 27* h 15, Mer 28 h 20, Gio 29* h 20, Ven 30 h 20. Luglio: Sab 1* h 20, Dom 2 ore 15

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cos’è Le Northwave Extreme RR sono il modello di punta della gamma dedicata al ciclismo su strada. Utilizzo Ciclismo amatoriale al massimo livello, gare amatoriali e professionistiche. Com’è fatto Il nome dice molto della destinazione di queste scarpe: come se non bastasse “Extreme”, in Northwave hanno pensato di aggiungere RR, declinando la sigla con un […]

L'articolo Northwave Extreme RR (Road Race) proviene da RED Live.

Dopo aver provato l’hoverboard DOC 6.5, sicuramente il più particolare fra i gingilli elettronici proposti da Nilox, abbiamo deciso di fare un passo indietro (nel senso di ardimento) e posare i piedi con un equilibrio più immediato su altri due prodotti legati alla mobilità elettrica: il monopattino DOC PRO e lo skateboard DOC Skate. DOC PRO […]

L'articolo Prova Nilox DOC Pro e Skate+ proviene da RED Live.

Una giornata molto particolare ci ha permesso di apprezzare il passato e il presente delle cabriolet marchiate DS. E abbiamo scoperto anche qualche analogia…

L'articolo DS: tra ieri e oggi proviene da RED Live.

“Come on, baby, light my fire, try to set the night on fire…” la musica è a tutto volume. L’accendo come un preriscaldamento che inizia a darmi la carica giusta. Questa canzone poi è un must; riesce a entrarmi nelle vene e accompagnare l’adrenalina verso l’alto. Direi che ne ho bisogno, visto che con la […]

L'articolo Prova Garmin Varia UT800, torcia e coraggio proviene da RED Live.

Essere la wagon più venduta in Europa dal 2014 è un primato di cui in Skoda vanno giustamente fieri. Eliminando stereotipi e status e con un pubblico che capisce il vero valore di quello che guida conquistare il successo per il marchio ceco non è stato difficile. Perché la sostanza c’è, ed è una sostanza […]

L'articolo Prova Skoda Octavia Wagon 2017 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana