Google+

L’uomo che vedeva ciò che non c’era. Cinquanta anni fa moriva Enrico Mattei

ottobre 27, 2012 Pino Suriano

L’Eroe del giorno non deve essere quasi mai quello che tutti si aspettano. Oggi però mi voglio accodare, mi devo accodare.

Allora, immaginate con me. Un giorno il proprietario di un terreno chiama un ruspista e dice: “Devo demolire il terreno, le colture non sono produttive e mi costa troppo mantenerlo”. Il ruspista si reca subito sul posto per abbattere, è tutto pronto. A un certo punto, però, si ferma, osserva: pochi ulivi e limoni, alberi apparentemente sterili, abbandonati, eppure bellissimi. Poi tanto spazio senza colture, non sfruttato. Lui guarda, studia il contesto: un bel sole caldo e un corso d’acqua lì vicino. Gli altri vedono ostacoli, lui risorse.

E allora immagina un campo, verde, grande, rigoglioso. Vede alberi che spuntano da ogni parte. Vede (e perché no?) anche tanti soldi. Tutto questo non c’è, ma lui lo vede. E allora chiama il proprietario. “Ma davvero devo abbattere?”. “Subito” gli viene risposto. Così tutto triste torna sul campo per agire, ma non ne ha la forza: ciò che immagina è più vero e concreto di ciò che vede. E allora compra il terreno, lo trasforma, velocizza la burocrazia, fa mille giri e capovolte. Nel giro di poco quegli alberi tornano a crescere e a produrre, i suoi frutti sono richiesti sul mercato, quel terreno diventa il prato verde e rigoglioso che aveva immaginato. Diventa, in fondo, ciò che era già.

Quel ruspista è come Enrico Mattei, che moriva il 27 ottobre di cinquant’anni fa. Un Visionario, capace di vedere quel che ancora non c’era in virtù di quel che c’era già. Capace perché voglioso. Gli avevano dato il compito di liquidare un’Azienda di Stato al collasso (l’Agip), lui vide quello che non si vedeva: un potenziale energetico e risorse immense. Velocizzò, viaggiò, rischiò. Fece l’Eni, fece più grande l’Italia.

Non smettiamo di immaginare. E pensiamo… “se solo oggi si ricominciasse da qui, dal guardare tutto come risorsa e non come rifiuto da demolire, ostacolo da rimuovere”. Che fioritura, quanti frutti. Immaginiamo che fa bene. Alla salute, all’Italia e al mondo intero.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana