Google+

Arriva l’ambasciatore americano e la Cina trasforma per l’occasione l’inferno tibetano in un «paradiso»

luglio 2, 2013 Leone Grotti

Erano tre anni che un diplomatico statunitense non visitava il Tibet e il viaggio dell’ambasciatore americano in Cina Gary Locke in questo senso è qualcosa di eccezionale. Ma in fondo è cambiato poco dal momento che la capitale Lhasa che gli ufficiali comunisti cinesi hanno mostrato a Locke è una finta fotografia degli anni 40 che oggi non esiste più.

INFERNO TIBETANO. Invaso nel 1950 dall’esercito di Mao Zedong, il Tibet è diventato un «inferno» che vive un «genocidio culturale» ad opera del partito comunista cinese. Attraverso l’educazione patriottica i tibetani sono costretti a rinnegare il Dalai Lama e a lodare il Partito comunista, i monaci vengono rieducati e tutti i cittadini subiscono pesanti restrizioni nella vita di tutti i giorni, oltre ad essere discriminati nei posti di lavoro pubblici. Nelle scuole non viene più insegnato il tibetano e per strada è obbligatorio parlare cinese. Lhasa, poi, è una città militarizzata dove i giornalisti non possono entrare: camionette della polizia ogni 10 metri, truppe disseminate per le strade per evitare auto-immolazioni di monaci in protesta (salite ad oggi a 120), posti di blocco e body scanner sparsi per i marciapiedi.

«ESERCITO E CECCHINI SCOMPARSI». Ma l’ambasciatore Locke non ha visto niente di tutto questo. «I posti di blocco della polizia e le camionette armate erano scomparse, i cecchini appostati sui tetti nell’area di Barkhor spariti, i body scanner rimossi». Così dichiara un tibetano di Lhasa in forma anonima a Radio Free Asia. «Lhasa si è improvvisamente e per pochi giorni trasformata in una città pacifica». Oggi a Lhasa assemblee pubbliche di preghiera sono assolutamente vietate, eppure proprio mentre soggiornava il diplomatico americano «al centro dell’area di Tsomon Ling è stata inscenata una sessione di insegnamenti buddisti». E non c’era neanche un poliziotto a controllare, almeno in apparenza: «Gli agenti cinesi c’erano, travestiti da tibetani e con rosari intrecciati tra le dita». Continua la fonte: «Tutto ciò è ridicolo, ma è quello che hanno messo in piedi per l’occasione».

SPOSTAMENTI FORZATI. L’ambasciatore durante la visita ha sottolineato «l’importanza che il Tibet si apra ai diplomatici, ai giornalisti stranieri e ai turisti e che la cultura tibetana venga rispettata». Ma niente di tutto ciò avviene oggi e il paese che ha potuto vedere con i suoi occhi nella realtà di tutti i giorni non esiste. Il Tibet è piuttosto il luogo dove, secondo un recente rapporto di Human Rights Watch, oltre due milioni di persone negli ultimi sette anni sono state costrette dalle autorità cinesi a cambiare città e casa a proprie spese. L’obiettivo di questa politica è spezzare i legami tra le famiglie e impedire che si formi un’opposizione al regime.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana