Google+

Lo sguardo sul futuro di Kaarina Kaikkonen

gennaio 10, 2012 Mariapia Bruno

Are We Still Going On? (Stiamo già andando avanti?) è il titolo della mostra di Kaarina Kaikkonen pensata per la nuova sede della Collezione Maramotti a Reggio Emilia, ricavata nell’ex fabbrica di abbigliamento Max Mara, dove una grande installazione si inserisce nella struttura compositiva di un edificio che sprizza rigurgiti di architettura brutalista e organicista degli anni 50 da ogni lato. L’artista finlandese, classe 1952, ha plasmato nel vecchio ingresso della fabbrica un’insolita installazione realizzata con abiti annodati tra di loro che danno vita a una sorta di scheletro a forma di barca. Forte di un complesso ritmo compositivo, l’opera diventa metafora di tanti concetti evergreen, come il rapporto tra maschile e femminile – qui raccontato dal netto contrasto tra gli abiti dai toni chiari e quelli dai toni freddi -, il rapporto con il paesaggio che ci circonda e quello con il luogo di produzione – la casa madre ospitante – non solo di oggetti ma anche di idee.


Circondando l’opera lungo il suo perimetro si perde il confine preciso tra spazio esterno e interno, si abbandonano le rotte prefissate e si inizia un viaggio in barca verso nuove scoperte. E’ la storia della ricerca, dell’artista, ma anche della ricerca umana universale. Kaarina Kaikkonen pensa in grande e con la sua creazione rappresenta una coralità di voci in transito, in dialogo con la natura e con gli spazi sociali. Rispecchiandoci nel suo creato raccogliamo i nostri percorsi, piu o meno fragili, e ci muoviamo verso e da qualcosa, con quel gomitolo che è il nostro passato che ci segue e si ingrossa senza sosta verso il futuro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana