Google+

Lo Chef Cannavacciuolo approda in tv. I soloni gridano allo scandalo ma può fare meglio di Gordon Ramsay

maggio 1, 2013 Tommaso Farina

E così, anche l’Italia avrà le sue Cucine da incubo. Un super cuoco, con telecamere al seguito, farà incursioni nei locali più disastrati (o, se preferite, bisognosi d’intervento), che in Italia pullulano, alla faccia di ogni nazionalismo. Preparatevi, spettatori di Sky e dintorni. Se nella versione originale anglosassone il mattatore del programma era lo spiritato, diabolico, deliziosamente odioso Gordon Ramsay, da noi l’incursore sarà il partenopeo Antonino Cannavacciuolo.

Guarda chi si rivede: i lettori di Tempi già lo conoscono. Nel 2011, la vostra amata (si spera) rubrica dei ristoranti del sedicente Esperto vi aveva portato a Orta San Giulio (Novara), alla scoperta di quella bomboniera deliziosa che è il Villa Crespi: ossia, il centro operativo e palatale del grande chef. Come dimenticare i giochi costanti di sapore, gli incastri tra tradizioni novaresi e ricordi marinari campani? Il cubo di vitella di Boves con caviale, salsa d’ostrica, gremolada e cipolla rossa marinata non poteva passare inosservato. E lo stesso dicasi per il virtuosistico riso Carnaroli allo zafferano, salsiccia di Bra e ricci di mare: un mosaico di sensazioni, un’armonia totale di dissonanze. E un piatto inaspettato come la trippa di agnello della Bisalta con gamberi in tempura al curry, salsa al porto e cipolla candita cos’era, se non un’autentica, goduriosa opera di ingegno (anzi, di genio) gastronomico?

Certo, per molti cuochi improvvisati, forti magari del luogo comune secondo cui “in Italia si mangia sempre bene, non come da quei barbari oltreconfine”, il confronto con un talento simile potrà essere uno choc. Per non parlare del fisico. Al posto dell’ossuto e vagamente algido Ramsay, qui abbiamo un colosso di Rodi con tanto di barba da simpatico Mangiafuoco: televisivamente potrebbe funzionare persino meglio, specie se saprà dispensare il simpatico e pratico savoir faire prettamente napoletano.

Come che sia, ci auguriamo che il grande Antonino, sia pure col supporto mediatico (che a molti pare il diavolo: basti pensare alle critiche ingenerose e non troppo salaci mosse a Carlo Cracco e Bruno Barbieri, che per i soloni avrebbero avuto la colpa di mollare la cucina “alta” per sprofondare nel baratro catodico), sappia dare una scossa a ristoratori che mai come in un momento carognino come quello odierno hanno bisogno di aiuto e consigli da chi si è fatto apprezzare nel mondo. In bocca al lupo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. ANTONINO NASSI scrive:

    antonino nassi
    avrei bisogno di un grande aiuto dallo schef ANTONIO
    GRAZIE

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana