Google+

L’informale di Gérard Schneider in mostra alla Galleria Lorenzelli Arte di Milano

novembre 20, 2012 Mariapia Bruno

Con le sue tele piene di colori e di forti contrasti Gérard Schneider si posiziona come uno dei capisaldi della pittura informale europea negli anni tra il ’50 e il ’70 quando ogni artista, scelta una strada da seguire, la percorre ansioso di trovare quell’originalità che lo elevi fino all’olimpo dei protagonisti storicizzati. E Schneider la sua strada l’ha trovata grazie a una continua sperimentazione, a un rinnovamento costante che lo ha portato ad un linguaggio totalmente personale e staccato da mode e compromessi. Ed ecco che, a più di venticinque anni dalla sua morte, la Galleria Lorenzelli Arte di Milano gli dedica la retrospettiva, aperta da qualche giorno e visibile fino al 16 febbraio 2013, intitolata Gérard Schneider. Abstrait lyrique.

Certo, perché di lirica si tratta quando si osservano le composizioni di questo artista svizzero stabilitosi a Parigi di cui, come si legge nell’introduzione al catalogo di una mostra del 1986, «lo slancio e l’eleganza del segno, il colore vibrante – che è struttura e poesia – sono connotazioni pittoriche non meno che umane, traduzione visibile di una suprema eleganza ed energia intellettuale, di una rigorosa tensione morale, di un profondo sentimento lirico». Attraverso novanta quadri – tra oli e gouaches – si viene, allora, a conoscenza di una personalità creativa che ha elaborato una propria concezione del gesto, generato non dall’automatismo come nel caso di molti suoi contemporanei, ma da un impulso interiore che nell’arte, come nella vita, proviene sempre dall’anima.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana