Google+

L’informale di Gérard Schneider in mostra alla Galleria Lorenzelli Arte di Milano

novembre 20, 2012 Mariapia Bruno

Con le sue tele piene di colori e di forti contrasti Gérard Schneider si posiziona come uno dei capisaldi della pittura informale europea negli anni tra il ’50 e il ’70 quando ogni artista, scelta una strada da seguire, la percorre ansioso di trovare quell’originalità che lo elevi fino all’olimpo dei protagonisti storicizzati. E Schneider la sua strada l’ha trovata grazie a una continua sperimentazione, a un rinnovamento costante che lo ha portato ad un linguaggio totalmente personale e staccato da mode e compromessi. Ed ecco che, a più di venticinque anni dalla sua morte, la Galleria Lorenzelli Arte di Milano gli dedica la retrospettiva, aperta da qualche giorno e visibile fino al 16 febbraio 2013, intitolata Gérard Schneider. Abstrait lyrique.

Certo, perché di lirica si tratta quando si osservano le composizioni di questo artista svizzero stabilitosi a Parigi di cui, come si legge nell’introduzione al catalogo di una mostra del 1986, «lo slancio e l’eleganza del segno, il colore vibrante – che è struttura e poesia – sono connotazioni pittoriche non meno che umane, traduzione visibile di una suprema eleganza ed energia intellettuale, di una rigorosa tensione morale, di un profondo sentimento lirico». Attraverso novanta quadri – tra oli e gouaches – si viene, allora, a conoscenza di una personalità creativa che ha elaborato una propria concezione del gesto, generato non dall’automatismo come nel caso di molti suoi contemporanei, ma da un impulso interiore che nell’arte, come nella vita, proviene sempre dall’anima.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Compatta, anzi compattissima, e a zero emissioni. La e.Go Life rappresenta ad oggi il progetto più concreto di city car elettrica “indipendente”, vale a dire nata fuori dalla sfera di controllo dei grandi costruttori. Una vettura che fa dell’economia il proprio fiore all’occhiello, dato che in Germania è già ordinabile con prezzi a partire da […]

L'articolo e.Go Life: indipendenza elettrica proviene da RED Live.

Era arrivato il momento… In effetti dalla presentazione del Diablo Scooter sono passati dodici anni: correva l’anno 2005 e ad oggi l’evoluzione dei mezzi è stata incredibile, soprattutto in termini di prestazioni. Per Pirelli si è trattato di un investimento importante che ha dato due frutti che coprono la quasi totalità di tipologie di scooter presenti […]

L'articolo Prova Pirelli Angel e Diablo Rosso scooter proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana