Google+

L’Ilva, le cassiere della Coop e i cinesi della Foxconn. È il senso del lavoro che andrebbe globalizzato

novembre 27, 2012

Mi colpiscono, in questi giorni, le continue notizie che riguardano il lavoro, le più disparate e contraddittorie. Brunello Cucinelli decide di dividere cinque milioni di utili con i suoi dipendenti, poco più di seimila euro a testa; per contro le cassiere della Coop scrivono alla Littizzetto di non far ridere, sono loro la Coop e non se la passano certo bene tra paghe da fame e orari impossibili.

In Occidente la disoccupazione cresce a vista d’occhio mentre in Oriente ci si suicida per il troppo lavoro nelle fabbriche cinesi della Foxconn e della Samsung che assomigliano sempre più a laogai piuttosto che a opifici.

Vogliamo i mobili Ikea a quattro soldi ma poi ci scandalizziamo se sono stati prodotti con il lavoro gratuito dei detenuti politici della ex DDR o se le cooperative di facchinaggio sono sottopagate.

A Taranto una magistratura miope e fanatica butta sul lastrico migliaia di famiglie mentre in Bangladesh muoiono a centinaia bruciati in una fabbrica tessile dove donne e bambini lavorano ammucchiati per darci la soddisfazione di comprare una t-shirt a tre euro.

Non bisogna essere dei geni e nemmeno dei laureati alla Bocconi per capire che in tutto questo c’è qualcosa che non va.

Mi sa che la sfida del nostro futuro sarà proprio quella sul significato, sul senso, sul rispetto, sulla retribuzione del lavoro, che devono diventare, questi sì, globalizzati.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana