Google+

L’esultanza fuori luogo di Russo (ma noi ci faremo un giro in più, alla faccia del potere)

luglio 13, 2012 Franco Molon

Non oso pensare cosa pensi di se stesso, in queste ore, Riccardo Russo che di mestiere fa il pilota motociclista; in una gara al Mugello della classe Stock 600 il nostro eroe giunto sulla linea del traguardo si è lasciato andare a vistosi gesti di gioia, ha alzato le braccia al cielo, si è alzato in piedi sulla sua Yamaha.

Peccato che avesse sbagliato il conto dei giri, all’arrivo ne mancava ancora uno e così tutti gli altri concorrenti gli sono passati davanti e l’hanno lasciato con un pugno di mosche.

Questa esultanza fuori luogo e fuori tempo mi pare una divertente icona di questi mesi durante i quali in tanti hanno cantato vittoria su traguardi inesistenti: lo spread è sotto controllo, gli esodati sono salvi, la riforma della giustizia è una svolta epocale, Berlusconi è fuorigioco. Basta leggere le prime pagine dei giornali per farsi una risata.

Il guaio vero, però, non è l’errore dell’individuo, per il quale basta il richiamo alla filosofia trappattoniana: «Non dire gatto finché non è nel sacco».

La tragedia vera è quando il potere, mediatico e non, cerca di convincere te e gli altri che hai già perso e vuol farti credere che l’esperienza della sussidiarietà lombarda è arrivata al capolinea, che ormai sei finito e ti conviene confessare se vuoi farti una doccia in santa pace.

Per fortuna ci sono uomini che non mollano e che sono disposti anche a farsi un giro in più, così, per sicurezza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

4 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Complimenti per l’analisi molto calzante del momento che stiamo vivendo. E già che ci sono aggiungo: “Forza Simone, non mollare, non dargliela vinta”.

  2. Carlo Candiani scrive:

    Una cosa è certa: Molon for Pulitzer (si scrive così?)

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Versione cabriolet della gigantesca e raffinata berlina Mulsanne Speed, adotta un V8 6.75 biturbo benzina da 537 cv. Radica e pelle a profusione in abitacolo.

Già disponibile nelle concessionarie la crossover di casa Honda, anche nella sua versione completa

Per festeggiare i 30 anni, la compatta spagnola beneficia di un nuovo allestimento top di gamma. Alla discreta caratterizzazione estetica si accompagnano cerchi in lega da 16” e una dotazione multimediale completa.

Il carro funebre più lussuoso al mondo è realizzato dall’italiana Biemme Special Cars. L’ammiraglia inglese accompagna nell’ultimo viaggio grazie al V12 6.75 a benzina da 460 cv. Per essere le star del camposanto.

La versione high performance della berlina nipponica, attesa a breve al debutto, potrebbe rinnegare l’alimentazione ibrida tipica del modello base optando per un ciclopico V8 5.0 a benzina da 500 cv.

Speciale Nuovo San Gerardo