Google+

Leggere (a fondo) Repubblica e scoprire che il Family Day ha «il placet del Papa»

gennaio 19, 2016 Correttore di bozze

repubblica-family-day-cei-2

Una decina di giorni fa bastava fermarsi alla prima pagina di Repubblica per scoprire che “la Cei” aveva detto “no al family day”. Era per l’esattezza venerdì 8 gennaio e il Correttore di bozze, baciapile di un prete mancato, se lo ricorda come fosse ieri. Il lancio in prima era esattamente questo: “La Cei: no al family day”.

E nelle pagine interne, precisamente la 17 (il Correttore di bozze ci tiene ad apparire puntiglioso quando si tratta di gossip tonacato), la notizia era confermata con un titolo netto: “Il gelo dei vescovi sul nuovo Family Day. ‘Non serve protestare'”, mentre il sommario identificava questa addirittura come “la linea di Papa Francesco”.

Bisognava poi addentrarsi nella lettura dell’articolo firmato da Paolo Rodari per scoprire come la questione fosse in verità molto meno limpida. Il “gelo dei vescovi” rispetto alla manifestazione del 30 gennaio rimaneva confinato nel titolo, mentre il pezzo era ricolmo esclusivamente di «posizioni eterogenee all’interno della Conferenza episcopale» e di espressioni tipo vedremo, non abbiamo ancora deciso, ci stiamo giusto riunendo or ora.

E quel “no” secco al family day attribuito in prima pagina nientemeno che “alla Cei”? Maddài. Qualunque giornalista con un minimo di infarinatura ideologica e un briciolo di zelo clericale (il Correttore di bozze in questo campo deve tutto ai colleghi di Repubblica) sa perfettamente che chi ben titola è a metà della propaganda.

repubblica-family-day-cei-1

Ebbene anche oggi, come sempre ormai, bisognava compulsare Repubblica per scoprire l’opinione “della Cei” sul family day. Il nuovo “retroscena”, però, firmato questa volta da Marco Ansaldo, non era ahinoi lanciato con altrettanta visibilità. E così, mentre in prima pagina il quotidiano cincischiava con un genericissimo “duello laici-cattolici Pd” sul ddl Cirinnà, il Correttore di bozze è dovuto arrivare a pagina 6, taglio basso, per apprendere che secondo Repubblica i vescovi avevano dato “Via libera al Family Day con il placet del Papa”.

repubblica-family-day-cei-3

Oggi bisognava dunque leggere la pagina 6 di Repubblica per scoprire che la netta presa di posizione del presidente della Cei Angelo Bagnasco contro il ddl Cirinnà e a favore del Family Day rappresenta una «novità» che discende da «un assenso determinante a una nuova linea, prima piuttosto tiepida sull’evento espressa dal segretario della Cei, monsignor Nunzio Galantino: quello del Papa».

E in effetti non è detto che l’asserito “placet del Papa” alla manifestazione meritasse un lancio in prima pagina (sicuramente non quanto lo meritava dieci giorni fa il categorico “no” immaginario della Cei presunta). Però, quella righina in cui Ansaldo osserva come il povero Galantino «negli ultimi tempi non sembra più godere dell’appoggio totale e incondizionato di Jorge Bergoglio», ecco, quella doveva averlo sì, il titolo di apertura dell’unico quotidiano italiano specializzato in beghe da sacrestia.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. ROLLI SUSANNA scrive:

    Mitico correttore di bozze!

    Dunque, vediamo: 19-8-17-30-6..Se c’è qualcheduno che vuol tentare la fortuna, i numeri ci sono! (la sottoscritta non gioca mai, perchè ritiene di aver vinto qualcosa ogni qualvoltavolta che non ci prova!, tuttavia, “è una volta che fa”! Infatti provai spedendo una cartolina secoli fa e vinsi una Fiat 500!)

    Gioco a parte, ipocrisie a parte, un pensierino sulla lentezza di certa parte di cristiani nell’ ESSERCI AL MOMENTO GIUSTO è constatabile; ed è anche fonte di un certo disgusto (anche se no ce ne dovrebbe essere, dacchè “scompaia da voi ogni asprezza, sdegno, ira, clamore e maldicenza con ogni sorta di malignità ” – S: Paolo). E per me i lmomento giusto -in questo caso- è passato da un po’ di tempo.
    Scusate, m’è scappata!

  2. Giò scrive:

    Avvisate Cecchi PaVone della decisione del ‘suo amico’ Francesco; necessità di un update.

  3. M.G. scrive:

    Che ci sia stato un cambio di rotta da parte della CEI mi pare innegabile. Bene! Era ora che il Presidente riprendesse in mano il timone, da troppo tempo lasciato improvvidamente nelle mani dell’imbarazzante Segretario. Si spera per il futuro che il nuovo corso prosegua…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana