Google+

Le tele sabbiose e criptiche di Pizzi Cannella

ottobre 9, 2012 Mariapia Bruno

Non ci sono figure umane nell’opera Veduta, solo cupole e case silenziose e immobili sotto un cielo dalle nuvole inquiete, abitato da uccelli svolazzanti. La materia cromatica è densa, come tutte le opere di Pizzi Cannella (1955), dove a un linguaggio raffinato di segni criptici, a tracce simboliche ricorrenti – come gioielli, lampadari e mappe geografiche – dal significato quasi esoterico, si sostituiscono di tanto in tanto imponenti abiti femminili da cerimonia, regali, maestosi. Opere il cui impasto quasi sabbioso ricorda le più crude immagini della pittura spagnola seicentesca, ammirabili dal prossimo 19 ottobre alla Galleria Mucciaccia di Roma all’interno di un progetto che prevede tre mostre parallele nelle splendide sale del cinquecentesco palazzo Muti-Bussi: Almanacco 4, Quadreria Roma e Le Regine.

Visibili fino al 20 gennaio 2013, le cinquanta opere raccolte per l’occasione si suddividono in una collezione di carte di medio-grande formato, in una raccolta di piccole tele che tanto rimandano ai cabinet pictures di gusto fiammingo, e nei ritratti delle sovrane che rappresentano il richiamo nell’arte dell’artista al sacro mondo femminile, e che donano alla bellezza della consorte, destinata irrimediabilmente a sfiorire, una sorta di maestosa immortalità, scandita da trame di tessuti dipinti al di fuori del tempo e dello spazio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana