Google+

Le scatole-ideorama custodi di sogni, gioie e dolori di Chiara Briganti in mostra a Bergamo

dicembre 7, 2012 Mariapia Bruno

Anche una favola è un arduo impegno. Novalis (1979), Liberté, Efalité, Fraternité, perché nessuno aggiunge Culture? Josif Brodsky (1992), Las rêves ne se réalisent pas toujours (I sogni non sempre si realizzano) Gustave Flaubert, 2002, o ancora Essere vivi è come essere in un territorio nemico (2002) e Sopra la mia casa ovviamente la luna. Paul Klee (2004). Chissa perché Chiara Briganti (Montpellier 2921) accosta i nomi di noti artisti e scrittori ai titoli delle sue opere. Forse i soggetti, impregnati di allusioni e citazioni letterarie, di racconti fiabeschi e momenti storici, esaudiscono la loro più sublime completezza grazie a questo costante rimando dalla carta dipinta a quella stampata, o forse il bello sta tutto nel lasciarsi rapire da «un enigma che non si svela» come scrive Vincenzo Farinella nel catalogo della mostra intitolata Esprit de fenêtre. Le scatole di Chiara Briganti, aperta fino al 20 febbraio 2013 alla Galleria Ceribelli di Bergamo e a lei dedicata.

«Ciò che rende tanto originali, poetiche e moderne le opere di Chiara Briganti – affermava Roberto Tassi – è soprattutto il loro mistero, la loro difficile decifrazione». Sono delle scatole-ideorama situate in una linea di continuità che partendo dai maestri dada e surrealisti (Marchel Duchamp, Man Ray) si aprono come le corolle dei fiori verso collages e paesaggi dipinti. All’interno di esse sogni e ossessioni, gioie e dolori dell’artista prendono forma plasmando una sorta di mitologia personale che suscita empatia a chi le osserva detenendone il segreto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana