Google+

Le opere dimenticate a memoria di Vincenzo Agnetti

giugno 25, 2012 Mariapia Bruno

«Quello che ho fatto l’ho dimenticato a memoria: è questo il primo documento autentico»: ecco il motto di Vincenzo Agnetti (Milano 1926 – 1981), artista concettuale outsider degli anni Sessanta e Settanta che, al contrario dei suoi colleghi che basavano la loro arte sulla logicità dell’idea, fondava la sua poetica sul presupposto che le contraddizioni sono un parametro stimolante, mentre la tautologia è un parametro convincente. Protagoniste fino al 9 settembre 2012 di una mostra appena inaugurata al CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea di Foligno e intitolata L’operazione concettuale, le opere di Agnetti sono espressione della ricerca di un equilibrio tra supporto e superficie, sincronia e diacronia, lingua e parola, dimenticanza e scoperta, e simbolo di quel paradosso maturato dall’artista secondo cui l’opera d’arte più aumenta le sue potenzialità, più diminuisce le sue chance di sopravvivere.

Apparentemente complicata, la filosofia dell’artista-poeta-scrittore milanese non è altro che un modo per criticare quell’arte che inserita in uno stile ben preciso e definito entra facilmente nella storia, e promuovere, invece, un’arte più libera ma più soggetta a essere dimenticata in quanto non appartenente a nessuna categoria stilistica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ora la famiglia Street Twin, le Bonnie con motore 900 cc, è completa. Sportiva la prima e poliedrica la seconda, le sensazioni che offrono sono molto differenti ma in comune hanno il piacere di guida e un carattere unico.

Torna in primavera il Challenge dedicato alle sportive pronto gara di piccola cilindrata. 5 le tappe, da disputarsi tra i cordoli dei circuiti italiani più famosi

Arriva dalla Spagna e può essere confezionata a piacimento del cliente questa special esposta al Motor Bike Expo di Verona. Da marzo sarà ordinabile anche in Italia

Al via il 30 aprile l’iniziativa off road di 7 tappe e oltre 1.400 km nel deserto marocchino

La Rambler è una concept firmata dal noto marchio di accessori ma sognare che possa diventare l'erede della HP2 è assolutamente legittimo. In fondo BMW ci ha messo lo zampino...

banner Mailup
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana