Google+

Le Nozze di Cana e quel vino che lascia addosso un singolare incanto

febbraio 3, 2013 Marina Corradi

Milano, 20 gennaio. «Tre giorni dopo, ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea». In una domenica di pioggia e neve, il cielo basso, l’orizzonte annullato, nel rito ambrosiano torna il miracolo di Cana. In chiesa siamo tutti intabarrati, le sciarpe al collo, gli ombrelli gocciolanti. Già alle quattro, con questo tempo sarà buio.

«Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli». Nei miei pensieri impigriti – quella cappa, fuori, sembra dire che tutto è fermo, e finito – parte non so come un film vivo di colori e profumi. È una mattina radiosa in un paese mediterraneo, in maggio, uno di quei giorni in cui la terra sembra gravida di ogni promessa e dono. In un cortile, sotto a un grande pergolato di glicine, una lunghissima tavolata. Sulla tovaglia candida un via vai di servi deposita abbondanti piatti di portata. Gli invitati banchettano, e ridono, e le voci si vanno alzando di tono. Tintinnio di bicchieri, gorgoglìo di vino dalle caraffe. Le donne, da una parte, belle nel giorno di festa, gli occhi scuri ammiccanti, badano a uno sciame di bambini troppo eccitati per restare seduti: che si rincorrono, agguantano un boccone dalla tavola e di nuovo scappano, sfuggendo alle mani delle madri. Sotto alla tavola due piccoli cani si dividono le ossa del pollame, avidamente. Ma, i bicchieri ora sono vuoti.

Maria al figlio: «Non hanno più vino». «Che ho da fare con te, donna? Non è ancora giunta la mia ora». È brusca la risposta di Gesù, come sottintendendo, fra i due, qualcosa che la madre già sa bene, fin da quando lui era bambino, e che qui, davanti agli altri, non si può rivelare. Già lei sa, già nel segreto dell’intimità domestica ha intravisto l’onnipotenza di quel figlio che non le è nato da un uomo. E dunque, cosa gli ci vorrebbe per dare nuovo vino agli sposi, perché la letizia del banchetto si dipani, come si usa, fino a sera? Maria non si rassegna, Maria è certa. Dice ai servi infatti: «Fate quello che vi dirà». Ordina lui, soltanto: «Riempite d’acqua le giare». E i servi vanno a colmarle, chiedendosi l’un l’altro meravigliati: a che servirà tutta quest’acqua?

Cristo non ha bisogno di pronunciare una sola parola. Nessuno vede il fremito dell’acqua, l’incresparsi appena della materia, docile al suo signore. È già vino, spumeggiante, sanguigno: e già generoso riempie i calici, e inebria gli ospiti. Loro, non sanno: solo i servi nelle cucine van raccontando, sbalorditi; solo Maria sa, e guarda il figlio, e lui la guarda, in un complice segreto, che gli altri non colgono.

Gli ospiti danzano poi fino al tramonto. (Quel vino, lascia addosso un singolare incanto). Cana, il primo miracolo, è perché gli uomini siano lieti – mentre nel cortile i gelsomini, calando il sole, riempiono l’aria di un profumo struggente. Poi, il film finisce. Fuori di chiesa, nel grigiore di gennaio, mi resta addosso l’eco di una lontana, radiosa mattina di maggio.

04/2013

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Enrico scrive:

    Cara Marina,
    il suo Diario è il primo o secondo articolo che leggo quando apro Tempi, scrive davvero bene e col cuore.
    Questa settimana ci hanno fatto il bidone (o è lei impossibilitata) per cui … alla prossima.
    Un abbraccio
    Enrico V.

  2. beona scrive:

    L’incanto della ciocca.

  3. Ravecca Massimo scrive:

    La fine è sorella dell’inizio, recita un proverbio medioevale. Durante la fase intermedia della Passione, anche lì gran parte degli partecipanti sarà ubriaca, come a Cana, anche se non di vino, come durante la partecipazione di un carnevale ebraico, tanto che Gesù dirà: Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno. Cfr. Ebook (amazon) di Ravecca Massimo. Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana