Google+

Le metamorfosi di Luca Serra

marzo 6, 2012 Mariapia Bruno

«Non voglio che la pittura sia esattamente ciò che sono in grado di fare o di dare, ma sono affascinato dall’evento, da ciò che accade. Mi interessa che il risultato sia qualcosa che io non ho eseguito, che non sono capace di fare, ma che sia un accadimento reale di cui io sono spettatore, il primo spettatore della mia pittura». È raro trovare un pittore che scende al livello di chi osserva qualcosa creata da qualcun altro con il desiderio di voler quasi cancellare quella fase che lo ha portato al compimento della sua creazione per gustare – chiudendo la porta in faccia alla fortuna di poter conoscere cosa accade dietro le quinte – l’oggetto compiuto con tutto il mistero alle sue spalle. È Luca Serra il personaggio in questione, bolognese trapiantato in Spagna, padre dei quaranta calchi su tela che verranno esposti dal prossimo 8 marzo fino al 14 aprile alla Lorenzelli Arte di Milano.


All’interno della retrospettiva “Gris y Grandes Dibujos” che lo mette in primo piano, si potrà conoscere il lavoro di assemblaggio di Serra e scoprire la sua passione per il cemento, i pigmenti, il catrame, le polveri, le pitture. L’artista gioca con questi materiali che reagiscono fra loro trasformandosi, dando vita a qualcosa di completamente diverso dalla sua essenza originaria. È l’idea della metamorfosi ad affascinarlo e ad affascinarci. L’idea, lasciando da parte Ovidio, che una serie di eventi –  seppur da noi provocati – possono dare luce a qualcosa che si stacca totalmente dal nostro controllo e dalla nostra originaria intenzione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana