Google+

Le correnti della scultura ottocentesca si raccontano al Palazzo Binelli di Carrara

giugno 27, 2011 Mariapia Bruno

 Protagonisti dell’Ottocento scultoreo Antonio Canova, Lorenzo Bartolini, Bertel Thorvaldsen e molti altri seguaci della vetrina di tendenze e gusto rappresentata dall’Accademia di Carrara, hanno operato per tutto il corso diciassettesimo secolo fino agli anni ’30 del Novecento, lasciandoci una serie di splendide creazioni, tra bassorilievi, calchi e opere a tutto tondo. Ad aprire l’esposizione D’Après Canova. L’800 a Carrara . L’Accademia e i suoi maestri a Palazzo Binelli, è il ritratto di Letizia Ramolino Bonaparte, di Antonio Canova  – da lui stesso donata all’Accademia nel 1810 – con cui il maestro indica agli altri scultori carraresi il modello ideale da cui prendere spunto, raffigurante la protagonista nella veste idealizzata di Agrippina.

 

Seguono questa prima opera alcunesculture come Il Mercurio di Benedetto Cacciatori, Paride offerente, la Psiche e la Psiche svenuta di Pietro Tenerani, che contribuiscono a determinare sempre piu’ lo stile inconfondibile della Scuola di Carrara, Le Ore di Thorwaldsen, caratterizzate da una nuova connotazione psicologica e da un nuovo movimento che alleggerisce l’austerità compositiva tradizionale, per poi arrivare alle opere di Pietro Lazzerini e Carlo Nicoli in cui all’universo neoclassico si sostituisce l’imitazione dal vero.   

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana