Google+

Le catacombe di san Gennaro. Luce nella città dei morti

agosto 4, 2015 Marina Corradi

catacombe-san-gennaro-flickr

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Napoli. A Capodimonte il sole di luglio acceca. A terra si proietta verticale l’ombra, nera e tagliente, delle cose. Sotto alla basilica dell’Incoronata scendono delle scale. Ti aprono un portone di ferro, e ti si spalanca davanti un atrio buio, molto grande, fresco come soltanto dove la luce non entra mai. Gli ambulacri che si dipartono davanti a te sono oscuri e profondi, come portassero a un altrove senza fine.

Catacombe di san Gennaro, II secolo dopo Cristo, rimaste qui, intatte, nei millenni, nel tufo in cui sono state scavate. Migliaia di tombe cristiane, una città dei morti che ti ammutolisce nella sua ombra millenaria; qui e là sui muri le piccole nicchie dove ardevano le candele che rischiaravano le tenebre. Il primo a essere sepolto nel luogo di una tomba patrizia romana fu sant’Agrippino, poi, attorno al V secolo, vi furono portati i resti del vescovo Gennaro, canonizzato molti secoli dopo, ma “santo subito”, per i suoi. Da quel momento le catacombe divennero luogo di pellegrinaggio, e migliaia di cubicoli furono scavati per accogliere i cristiani defunti, fino a fare di questo luogo una necropoli ipogea, nel buio. Nell’VIII secolo, ai tempi della eresia iconoclasta, il vescovo Paolo II per sfuggire alla persecuzione si rifugiò qui sotto: un battistero in pietra testimonia che qui si battezzava.

E ora, il rombo degli aerei che atterrano a Capodichino riempie questo labirinto, e ne profana il silenzio. Ma, pensi camminando adagio, cercando di non far rumore, in quanti avete voluto dormire quaggiù, vicini a un santo, fino a quando il suo corpo, venerato, conteso, non fu trafugato da qui. È questa cosa dunque, un santo? Uno attorno al quale anche nella morte gli uomini si affollano, vicini, come bambini nel buio – perché accanto a lui fa meno paura, quell’ignoto sentiero.

È questa cosa, un santo? Uno che vince il tempo, e dopo millesettecento anni è ancora amato, ricordato, invocato, ogni giorno, nella sua città. Su quella che fu la sua tomba – ora ciò che resta di lui riposa in Duomo – resta un bastone da vescovo, appoggiato sulla pietra, come da qualcuno che debba tornare. È questa cosa dunque un santo – luce dentro le tenebre, fiamma, sulla soglia del buio.

Si esce nel cortile dell’antico ospedale San Gennaro, un tempo ostello benedettino, dentro al Rione Sanità. Che luce, a mezzogiorno, a Napoli: dopo l’oscurità, faticano gli occhi a sopportarla. Eppure ti resta in mente il pensiero delle candele che debolmente un tempo rischiaravano la città dei morti. Una sola luce, nel fondo delle tenebre, è perfino più forte dello sfolgorare del sole di luglio al Sud. Per secoli i cristiani di Napoli hanno cercato in questa oscurità un’altra, più fedele luce. Restano sulle pareti sbiaditi, remoti disegni: uccelli, che simboleggiano le anime dei morti. E la croce monogrammatica – nel nome di Cristo e di Pietro, il segno della Resurrezione.

Foto Flickr


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana