Google+

Le belle speranze di John Keats vivono ancora tra le pagine invecchiate dei libri della sua casa di Roma

settembre 18, 2013 Mariapia Bruno

Profumo di libri antichi, soffitto a cassettoni, scrivanie, vecchie poltrone. Se non fosse per l’affannata modernità che si vede dalle finestre di un antico palazzo con vista sulla scalinata che da Piazza di Spagna porta a Trinità dei Monti, in quella che oggi è la casa museo Keats-Shelley ci si aspetterebbe quasi di incontrare, in tutta la loro letteraria eleganza, i poeti del romanticismo inglese che intorno agli anni venti dell’Ottocento vi abitarono, ospitando i loro amici e condividendo con loro le impressioni di una città già allora difficile da abitare e comprendere. Bello, giovane e profondo, ma di meno “belle speranze”, John Keats ispirava l’aria di una città frenetica ed espirava odi piene di sentimenti e desiderio di infinito, profumate dall’odore intenso di una natura che conservava nel cuore, e scaldate da ricordi e nostalgie del tempo trascorso con amici che forse non avrebbe rivisto mai più.

E mentre la frenesia del centro, le chiacchiere innaffiate di sigari e punch dei suoi amici letterati, non diverse da quelle arie filosofiche respirate nella sua città natale (Londra) trascinavano la sua fisica presenza in una mondanità insopportabile e invadente, Keats invidiava la felicità di chi poteva allontanarsi da questo mondo imperfetto, come l’Usignolo protagonista della sua famosissima Ode a un Usignolo, che <<troppo felice nella sua felicità>> canta a gola spiegata senza pensare a nulla. Lui invece non vorrebbe fare altro che dissolversi, scomparire, dimenticando la stanchezza, l’ansia e i turbamenti che hanno imbrunito la sua giovinezza, stroncata a soli 25 anni dalla tubercolosi. E mentre l’usignolo ha il dono di non poter comprendere gli affanni terreni e quindi di godere di una apparente e ignorante immortalità, il poeta, quasi consapevole che la fine lo avrebbe colto troppo presto, descrive in modo tutto romantico la sua tendenza a corteggiare la morte, ad accarezzare l’idea della fine. Ma una speranza trapela dalle sue parole, quella che ci sia qualcuno, là fuori, che lo scopra e lo aspetti, per volare, infine, via insieme.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

Look pistaiolo e dotazione particolarmente ricca per l'ultima versione della supercar nipponica, che entra in listino a 118.900 euro. Le consegne inizieranno a novembre

La concept nipponica anticipa una SUV a tre porte dal design aggressivo, ispirata concettualmente alla prima generazione a passo corto della Toyota Rav4. A soluzioni avveniristiche in abitacolo si affianca un powertrain ibrido.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana