Google+

Le ballerine di Degas come i film dei fratelli Lumière

novembre 22, 2011 Mariapia Bruno

Una volta attraversato l’elegante cortile della Royal Academy of Art di Londra e saliti i gradini verso la sala che introduce l’attuale mostra “Degas and the Ballet“, sembra di essere catapultati all’interno di un carillon dove tre ballerine proiettate sulla parete volteggiano su se stesse. Inizia da qui il raffinato percorso espositivo dedicato al parigino Edgar Degas (1834-1917), il “pittore delle ballerine” che nel corso della sua vita ha subito il fascino di quella espressività che soltanto il movimento riesce a dare. Ed è proprio il movimento, studiato attraverso i passi di danza, le brevi pose, l’osservazione delle ballerine in sala prove e delle attrici in palcoscenico, a far da filo conduttore dell’intera retrospettiva. La progressiva fascinazione verso la figura in movimento ci viene presentata insieme alla fotografia, che si sviluppa negli stessi anni, e dei primissimi film.

A far da capofila ci sono opere come “The Rehearsal“(1874) – una delle prime e più ambiziose tele del pittore eseguita dopo aver osservato le ballerine nei backstage dell’Opéra cui aveva accesso – la “Little Dancer Aged Fourteen” (1880-81) – una graziosa scultura in bronzo che rappresenta una ballerina quattordicenne, Marie van Goethem, studentessa dell’Opéra che ha posato più volte per Degas, vestita con veri abiti – e la nota “The dance lesson” (1879) – dove il pittore sembra scattare un’istantanea di un particolare momento di riposo accademico dove alcune ballerine siedono esauste dalle prove mentre altre, in piedi, si aggiustano gli abiti. Accanto a queste, una serie di scatti e film di Nadar, Etienne Jules-Marey, Eadweard Muybridge e dei fratelli Lumière.

Inserito in questo contesto di suggestioni, Degas non ci appare semplicemente come il creatore di splendide immagini di ballo, ma come un moderno artista che, riflettendo sui temi relativi all’arte visiva, si mostra in totale sintonia con gli sviluppi tecnologici del suo tempo. Fino all’11 dicembre.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana