Google+

Lasciamo che i figli facciano casino (anche al ristorante e in chiesa) sconvolgendo la nostra misura

giugno 1, 2014 Annalisa Teggi

ristorante-chiesa-bambini«Nel ventre tuo si raccese l’amore» (Paradiso, canto XXXIII)

Se non diventerete come bambini, non entrerete nel regno dei cieli. È stato ovvio pensare a questo passo evangelico quando qualche tempo fa, trovandomi in una pizzeria, ho visto un cameriere che educatamente informava una famiglia (composta da genitori e tre figli piccoli) che non c’era posto, salvo poi far giovialmente accomodare una compagnia di 7 adulti (che non avevano prenotato, occorre precisarlo). Poi ho scoperto che c’è un vero e proprio trend, ed esistono i locali «no kids» o «childfree»; espressioni entrambe abominevoli.

Comunque, ogni esercente è libero di usare la propria strategia di mercato e sono convinta che, al di là della fuffa di certi discorsi (del tipo: il ristorante non è un luogo adatto all’esuberanza dei bambini), il punto nodale sia il consumismo: qui lo dico e qui lo confermo, la famiglia è l’antidoto naturale allo spreco. Ne consegue che l’avventore adulto e solitario sia un ottimo cliente. Ma, dicevo, l’esercente faccia pure i suoi calcoli. Resto, invece, un po’ più perplessa quando in chiesa alcuni preti storcono il naso alla presenza esuberante dei bambini.
Su questo sono armata fino ai denti; perché è senz’altro giusto che i genitori educhino la prole a distinguere i contesti in cui si trovano, ma fino a un certo punto. Mi limito a esprimere il mio parere per via di paradosso, dicendo che il grido fastidioso dei bambini sarà l’unica campana che ci resterà, quando abbatteranno i nostri campanili.

In molti deridono il cristiano che prega, perché non lo capiscono; e in molti casi è lo stesso cristiano ad avere le idee annebbiate su cosa fa quando prega. Ma tutti capiamo le risate e gli strilli dei bambini: sono i richiami scomposti di un figlio verso il mondo e verso il padre. Ecco, chi ci spiega la preghiera. Lasciamo che facciano casino. Quando si dice che la famiglia è disposta ad accogliere la vita, non si sta facendo catechismo sugli anticoncezionali. Ogni gravidanza – anche quando è desiderata – resta indesiderata, cioè non c’entra coi propri desideri, perché significa acconsentire al casino. Significa godere del fatto che la vita non è un monologo di cui il tuo ego è il regista, ma una trama il cui canovaccio ti chiede di improvvisare, di intraprendere qualcosa che non puoi preventivare. È un furto generoso accettare la misura imprevedibile della vita, come scrive Oriana Fallaci in Lettera a un bambino mai nato: «E se toccasse a te farmi scoprire il significato di quelle cinque lettere assurde [mamma]? Proprio a te che mi rubi a me stessa e mi succhi il sangue e mi respiri il respiro?».

Mi scrive una dottoressa, portando alla mia attenzione il caso di un medico che, avendo sbagliato la prescrizione di un anticoncezionale, ha causato un «danno» alla paziente: è rimasta incinta. Alla fine, il medico dovrà pagare: il giudice attribuisce alla famiglia del concepito il diritto a pretendere il costo delle spese che sarà necessario affrontare per il suo mantenimento, fino al raggiungimento della sua indipendenza economica. Ho risposto alla dottoressa che se s’imbatterà in casi simili, apriremo insieme un asilo. E lei, che è più creativa di me, ha già coniato il nome: «Bambini a sorpresa». In tempi di indolenza ed egoismo, facciamo mattate.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Long John Silver Polexic scrive:

    “Mi limito a esprimere il mio parere per via di paradosso, dicendo che il grido fastidioso dei bambini sarà l’unica campana che ci resterà, quando abbatteranno i nostri campanili.”

    D’accordissimo! Anche perchè per fare figli ci vuole un buon motivo o quantomeno il barlume di una speranza… e ad oggi sono entrambi merce rara!

    “Resto, invece, un po’ più perplessa quando in chiesa alcuni preti storcono il naso alla presenza esuberante dei bambini.”

    Beh, non si può però essere astratti… spesso ci sono genitori che non diostinguono la Chiesa e la Celebrazione della Messa dal parco giochi… e la Messa non è la cena al ristorante…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana