Google+

A Milano l’arte del fumetto di Antonio Rubino

gennaio 8, 2013 Mariapia Bruno

«Giornalista per ragazzi, favolista, autore di libretti e di commedie, decoratore di ambienti, scenografo, attore, polemista, regista di disegni animati e persino, nei ritagli di tempo, raccoglitore di olive», ecco come si definisce Antonio Rubino nel suo Curriculum ridiculum. Ed effettivamente era questo e molto altro il padre del fumetto italiano, colui che ha tracciato un sentiero di grande spessore nell’attività di disegnatore di vignette. Fondatore – tra gli altri – del Corriere dei Piccoli nel 1908, lo si ricorda per le brillanti copertine del Giornalino della Domenica di Vamba e per i progetti grafici di diverse collane editoriali, tra cui la Bibliotechina de La Lampada, ma non tutti sanno che tentò anche l’esperienza del cartone animato venendo premiato nel 1942 alla Mostra del Cinema d Venezia per il suo Il paese dei ranocchi.

Nella Sala Maria Teresa della Biblioteca Nazionale Braidense di Milano una mostra che raccoglie libri, riviste, manifesti, quaderni, fotografie d’epoca, manoscritti e tavole originali lo ricorda. Innamorato della luna. Antonio Rubino e l’arte del racconto, aperta fino al prossimo 31 gennaio, ripercorre l’intero arco creativo della produzione del protagonista costruendone un ritratto che ne mostra la versatilità e la plasticità della sua intelligenza artistica e della sua grande inventiva.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

La piccola di Russelsheim debutta al Salone di Parigi in una nuova versione che strizza l'occhio al mondo dei Suv. Ha un assetto rialzato di 18 mm e un look fuoristradistico

Le auto dettano tendenze di stile nella società ma chi le disegna si è trovato spesso in difficoltà quando è stato chiamato a vestire una moto. Anche Pininfarina e Giugiaro hanno fatto fiasco

Citigo può contare su di una maggiore interazione con gli smartphone, mentre la compatta Fabia è disponibile nell’allestimento sportivo Monte Carlo. Look da crossover e ricca dotazione di serie per la versione ScoutLine di Fabia Wagon.

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana