Google+

Lance Armstrong e la vita che non si riavvolge

ottobre 23, 2012

Adesso è chiaro e definitivo: Lance Armstrong era dopato quando, tra il 1999 e il 2005, ha vinto sette Tour de France. Sia cancellato dagli annali del ciclismo e restituisca tutte le maglie gialle indegnamente indossate. Giustizia è fatta.

Si fa per dire, perché la vita non si riavvolge come un nastro. La gioia per la vittoria mica la restituisci, i titoli dei giornali e la fama non li cambi, i soldi guadagnati te li tieni; del resto nemmeno si cancella la delusione degli sconfitti, l’occasione persa per una carriera diversa.

La vita non si riavvolge come un nastro. Basta questa semplice osservazione della realtà per far dire che nessuna giustizia è mai, fino in fondo, vera giustizia.

Ma tutti questi magistrati che sparpagliano carcerazioni preventive come coriandoli, che ne sanno più degli scienziati, che macellano pil, aziende e famiglie, che danno pene doppie di quelle richieste dall’accusa, loro lo sanno che la vita non si riavvolge?

E questi giornalisti che le sparano grosse peggio di bertoldo, che rovesciano governi e regioni, che infamano persone sulla base degli ordini del proprio re, loro lo sanno che la vita non si riavvolge come un nastro?

O forse è proprio perché lo sanno che agiscono così?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana