Google+

L’amore vero è a prova di avatar

aprile 27, 2012 Elisabetta Longo

L'homepage di ImvuGoddes of the Orient (in italiano la dea dell’oriente) è bella, bionda, magra, alta. Gunner è un ragazzo muscoloso, tatuato e piacente. Goddess e Gunner sono due avatar di Imvu, una comunità virtuale globale che permette a chiunque si iscriva (e poi paghi una quota ogni volta in cui vuole avere accesso a contenuti aggiuntivi) di incontrarsi e fare nuove conoscenze, il tutto tutelato e avvantaggiato dal possesso di un avatar in 3D. Difficile che l’avatar abbia le fattezze fisiche di chi lo comanda, nella più ovvia tradizione della rete, ed è anche stato il caso di Goddess e Gunner, rispettivamente gli avatar di Marie e Jay Coulbeck.

Marie è una 44enne madre di due figli, così delusa dalle precedenti relazioni da essersi buttata sul cibo, con conseguente e indesiderato aumento di peso, e un bisogno enorme di La coppia felice e i loro avatarconoscere qualcuno senza sentirsi giudicata dal suo aspetto. Per questo si è iscritta a Imvu, che in poco tempo ha preso il sopravvento sulla sua vita reale, tanto da portarla a trascorrere fino a 16 ore al giorno in chat. In una di queste maratone virtuali ha conosciuto Jay. I due si sono innamorati senza essersi mai visti, come hanno raccontato al Daily Mail. Quando si sono incontrati, dopo mesi di chiacchiere in chat, l’impatto è stato forte, sopratutto perché, come ha svelato Marie: «Il mio avatar aveva tutte le caratteristiche che avrei sempre voluto avere io, come ad esempio una taglia 38, mentre io porto la 50». Da quando si sono sposati, a settembre, nessuno dei due ha più giocato online. Anzi, ritengono che sia un passatempo stupido, molto meglio la vita vera. E vissero felicemente reali e contenti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova KTM Freeride E mette in difficoltà i detrattori dell’elettrico; nessun limite tecnico ma soprattutto una guida che soddisfa anche gli appassionati dell’estremo.

Declinazione sportiva della city car tedesca, è mossa da un 1.4 turbo benzina da 150 cv e 220 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 8,5 secondi. L’impianto frenante è fornito dalla divisione sportiva Opel OPC

La Casa britannica svela l’erede dell’ammiraglia sportiva del 1976. Mossa da un V12 5.9 da 600 cv, sarà destinata ai mercati del Medio Oriente. Non ha un prezzo: le infinite possibilità di personalizzazione rendono vano ogni tentativo di standardizzazione

Speciale Nuovo San Gerardo