Google+

La vita di Feliciana, migrante paraguaiana in Spagna

febbraio 10, 2017 Aldo Trento

padre-aldo-trento-malati

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Nel cambiamento epocale che stiamo vivendo abbiamo bisogno, come nei primi secoli della Chiesa, di testimoni innamorati di Gesù, capaci di mostrare con la loro vita la convenienza e la ragionevolezza del cristianesimo. Non è questione di strategie o iniziative pastorali, perché l’annuncio cristiano è un avvenimento che si impone al cuore dell’uomo con una bellezza infinitamente superiore anche alle mie bellissime Dolomiti. Il cuore dell’uomo ha bisogno di Gesù perché con Lui tutto fiorisce, la vita acquista uno spessore umano prima inimmaginabile e addirittura – come ci racconta Feliciana, emigrante paraguaiana in Spagna – le circostanze difficili diventano una possibilità per sperimentare il centuplo di cui parla il Vangelo.
paldo.trento@gmail.com

Nel 2005 decisi di dare una svolta alla mia vita, per riuscire a mantenere la mia famiglia. Non avevo un lavoro sicuro e mio marito ci sosteneva poco. Dovevo dare ai miei figli l’opportunità di una vita migliore di quella che avevo avuto io, sognavo di poterli fare studiare. Così con grande dolore decisi di lasciarli per un breve periodo, col fermo proposito di tornare presto a casa. Sono arrivata in Spagna senza sapere cosa mi aspettasse, l’unica certezza era che nulla sarebbe stato facile. Ho provato vari lavori e molte umiliazioni. Mi trattavano come una stupida, una prostituta o una persona in cerca di una vita facile, ma questa situazione non è durata a lungo, grazie al mio carattere, alla mia dignità di cristiana e al ricordo in me vivo delle persone che facevano parte della mia vita, sacerdoti, amici. In particolare mi ha aiutato la Compagnia che Cristo mi aveva insegnato a cercare sempre nelle persone, a vedere il volto di Gesù anche quando sembra più nascosto.
Il lavoro era duro, e ancor più il senso di responsabilità verso i miei figli. Dopo qualche tempo li ho portati con me per dare loro una educazione, una casa e la sicurezza possibile. Per un po’ mi sono portata dietro anche mia madre per evitarle la solitudine e permetterle di ricevere un trattamento che in Paraguay non avrebbe avuto. Per tutto questo ho dovuto lavorare molte ore, anche 18 al giorno senza riposare e senza diritto alla malattia.
Sono certa che non avrei potuto fare nulla senza la forza donatami da Cristo e dalla Madonna del Carmelo, che nei momenti difficili è stata la mia roccia. Sono avvenuti miracoli concreti e semplici, di cui non posso smettere di ringraziare Dio. Ho incontrato amici nella Chiesa che mi hanno sostenuta, ho percepito realmente che non ero più sola. Qualcuno cercava la stessa cosa che cercavo io: il Signore Gesù. Inoltre, sebbene stessero economicamente meglio di me, non mi sentivo di valere meno. La loro compagnia è stata preziosa.

Il lavoro che faccio attualmente non è più così duro: non perché sia diminuito lo sforzo fisico, ma perché posso farlo con più carità. Assisto gli anziani e in una giornata riesco a occuparmi anche di cinque o sei persone.
Ogni persona, o “utente” come dicono qui, è diversa dall’altra. La maggior parte ha superato gli 80 anni, alcuni sono allettati, altri totalmente soli, molti necessitano di aiuto per ogni cosa. Adesso seguo una signora a cui sono state amputate entrambe le gambe, vive al quinto piano e da quindici anni non esce di casa, ma nonostante questo mi accoglie sempre con un sorriso e una incredibile gentilezza.
Sento la necessità di dare loro il meglio di me, sorridendo, ascoltando le loro storie, raccontando barzellette o portandoli a passeggio con la sedia a rotelle, riempiendo un po’ della loro tremenda solitudine. Ho imparato molto dalla precarietà in cui vivono, poveri non di soldi ma di affetto. Ho compreso il valore del mio lavoro, perché in loro riconosco il volto di un Cristo sofferente e solo.
Ho anche studiato e sono riuscita a migliorare la mia posizione all’interno dell’impresa.
Oggi, dopo undici anni in Spagna, posso dire di essere contenta di quanto ho ottenuto. Spero di continuare con forza, salute e la benedizione di Dio per i miei figli, per me, e soprattutto per mia madre ormai anziana, che si trova ora di nuovo in Paraguay. A causa dei miei turni mi è stato impossibile tenerla qui sola, continuo ad assisterla a distanza con l’aiuto di uno dei miei fratelli. Tutto questo per grazia di Dio. 
Feliciana

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download