Google+

La pantagruelica, divertente zuppa giapponese a Milano

febbraio 15, 2017 Tommaso Farina

ramen-house-farina

Rubrica tratta dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Dopo l’ubriacatura di sushi, ci piace il revival della cucina giapponese meno scontata, meno ovvia, meno inflazionata. Il sushi ormai lo fanno ovunque, ed è quasi monopolio di cuochi cinesi, oltre che spesso servito in micidiali ristoranti “all you can eat”, non sempre troppo buoni. Così, è da qualche anno che seguiamo con interesse l’esplosione del cosiddetto ramen, soprattutto a Milano.

Il ramen, piatto che per tradizione in Giappone si considera di origine cinese, è una specie di gigantesca, pantagruelica zuppa, dalle molteplici varianti regionali. Punti fermi? Il brodo, che c’è sempre anche se può essere di diversa natura, e la pasta: si tratta di taglierini all’uovo. Il resto cambia sempre, ed è un “resto” decisamente abbondante e rabelaisiano, anche nell’aspetto.

Fatevene un’idea andando da Ramen House, in viale Montenero. Il destino nel nome: in queste due simpatiche stanze, né sovraccariche né disadorne, il vero ramen va in scena nella più catturante varietà. Il più classico è quello con le costolette di maiale, che comprende anche verdure, alga wakame e uno scenografico uovo sodo tagliato in due e cotto nel tè verde. Ma ne avrete anche altri: quello piccante con macinato di maiale; quello vegetariano; quello con gamberi e calamari e via dicendo. Oltre che coi filologici tagliolini all’uovo, il ramen può essere richiesto anche con la grossa pasta udon di acqua e frumento, e pure coi noodles di riso. In aggiunta, è prevista l’opzione di una doppia razione di pasta, peraltro già abbondante nella porzione normale.

Bello vero? Ma prima dei ramen, conviene assaggiare i dim sum: i ravioli cinesi, qui presenti in numero enciclopedico. Si va dai soffici e “panosi” Bao Zi ripieni di carne, ai Wo Tiep col brasato, fino ai classici ravioli cantonesi. Ci sono anche altre specialità, come il riso all’anatra. Per finire, dolci come le palle di riso al fior di loto. I ramen costano dagli 8 agli 11 euro, e sono ricchi e abbondanti. Per un pasto completo? Diciamo 35 euro. E ci si diverte.

Per informazioni
Ramen House
www.ramenhouse.it
Viale Monte Nero, 62 Milano
Tel. 025510442
Chiuso il lunedì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi