Google+

La natura morente dei nostri giorni vista da Jernej Forbici

settembre 12, 2012 Mariapia Bruno

Immaginate di fare un passo in un microcosmo dove la temperatura di 45 gradi uccide tutte le piante, dove al posto di rigogliosi alberi e cespugli fioriti gli unici elementi che sopravvivono sono finti fiori di plastica. E’ la triste e pericolosa condizione alla quale il nostro pianeta si sta avvicinando in modo sempre più veloce, che tra qualche decennio impedirà a molte specie di sbocciare, una condizione che ha molto turbato il giovane artista sloveno Jernej Forbici (1980) il quale, attraverso le sue opere pittoriche, racconta e denuncia gli errori compiuti dall’uomo nei confronti della natura. Protagonista della retrospettiva Jernej Forbici. Last Flowers, che dal prossimo 18 settembre a 26 ottobre 2012 sarà visibile alla Galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter di Milano, il pittore ci mette sottilmente di fronte al problema del riscaldamento globale.

 

Sono lontane le vedute serene e brulicanti di erbe e foglie dei paesaggisti ottocenteschi che l’artista ha studiato superando il concetto di natura idilliaca e approdando a una modernissima lirica della natura morente. La sofferenza del pianeta che egli descrive risente soprattutto dei suoi ricordi d’infanzia, trascorsa nelle vicinanze della falda acquifera della zona del Maribor, nel nord-est del suo paese, una discarica micidiale invasa dalle scorie non eliminate di una vicina industria di alluminio. Un ricordo che si fa materia sulla tela che racconta senza eccessi e in modo elegante quegli scorci di bosco fantasma, quei profili scheletrici degli alberi e quei fiumi di impura iridescenza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé americana del 1969 ha fornito la base per una delle vetture più celebri e amate della televisione. Mossa da V8 con cubature monstre - da 5,2 a 7,2 litri - fu maltrattata in ogni modo durante il telefilm Hazzard: ne vennero distrutte oltre 300!

Riparte l’iniziativa di Specialized in collaborazione con i propri dealers italiani “Test The Best”, in cui tutti potranno ammirare e pedalare le mountain bike e le bici da corsa del 2015

Schiacciate tra le 800 e le 1200, le crossover 1000 possono essere una valida alternativa alle maxi enduro. Sono più leggere, costano meno e hanno prestazioni più che interessanti. Sicuri che 200 cc in più siano proprio necessari?

Sette anni fa se ne andava uno dei rallysti più spettacolari di sempre. Campione del mondo nel 1995, era dotato di uno stile unico, irruente, istintivo. Soprannominato McCrash per la miriade d’incidenti, nel dubbio... accelerava!

Speciale Nuovo San Gerardo