Google+

La natura morente dei nostri giorni vista da Jernej Forbici

settembre 12, 2012 Mariapia Bruno

Immaginate di fare un passo in un microcosmo dove la temperatura di 45 gradi uccide tutte le piante, dove al posto di rigogliosi alberi e cespugli fioriti gli unici elementi che sopravvivono sono finti fiori di plastica. E’ la triste e pericolosa condizione alla quale il nostro pianeta si sta avvicinando in modo sempre più veloce, che tra qualche decennio impedirà a molte specie di sbocciare, una condizione che ha molto turbato il giovane artista sloveno Jernej Forbici (1980) il quale, attraverso le sue opere pittoriche, racconta e denuncia gli errori compiuti dall’uomo nei confronti della natura. Protagonista della retrospettiva Jernej Forbici. Last Flowers, che dal prossimo 18 settembre a 26 ottobre 2012 sarà visibile alla Galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter di Milano, il pittore ci mette sottilmente di fronte al problema del riscaldamento globale.

 

Sono lontane le vedute serene e brulicanti di erbe e foglie dei paesaggisti ottocenteschi che l’artista ha studiato superando il concetto di natura idilliaca e approdando a una modernissima lirica della natura morente. La sofferenza del pianeta che egli descrive risente soprattutto dei suoi ricordi d’infanzia, trascorsa nelle vicinanze della falda acquifera della zona del Maribor, nel nord-est del suo paese, una discarica micidiale invasa dalle scorie non eliminate di una vicina industria di alluminio. Un ricordo che si fa materia sulla tela che racconta senza eccessi e in modo elegante quegli scorci di bosco fantasma, quei profili scheletrici degli alberi e quei fiumi di impura iridescenza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana