Google+

La natura mi parla di Dio e mi fa parlare con Dio

luglio 27, 2014 Pippo Corigliano

van-gogh-cielo-stelle
Il rosario sotto le stelle. Per me è un momento pieno di ricordi. Avevo 18 anni e, con sorpresa di mia zia, le chiesi di recitare il rosario insieme. Fino all’anno prima non avevo partecipato a questa preghiera domestica anzi ne facevo un’affettuosa imitazione: «Ave Maria piena di grazia… (Ninì hai chiuso i polli? Sì)… Santa Maria madre di Dio…». Eravamo in Calabria d’estate e la preghiera si recitava sul terrazzo, mentre l’Orsa maggiore dominava splendente rimandando alla stella polare più in là.

Mia zia non mi avrebbe più rivisto per anni perché la Madonna, grazie anche alle sue preghiere, mi stava indicando una strada di dedizione a Dio. La rividi molto tempo dopo e bevve con occhi lucidi il racconto della mia vocazione. In questi giorni la ricordo pregando su una scogliera, con le stesse stelle. Guardare le stelle è perdersi nell’infinito, un infinito che è grande ma poca cosa rispetto alla capacità di amare che ci rende prìncipi del creato. Di giorno nuoto con occhialini verificando com’è creativo il creatore.

I saraghi piccoli sono elegantissimi vestiti d’argento con una fascetta nera poco prima della coda. Le salpe pascolano nella zona delle alghe mimetizzandosi col dorso verde: ogni tanto lampeggiano riflettendo il sole col ventre argenteo. Sempre nuovi incontri: pesci maculati di cui non conosco il nome, con le sarde e tanti pesciolini neri che non hanno paura. Se esco in canoa ogni tanto saltano dei branchi di alici. La natura parla di Dio e mi fa parlare con Dio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana