Google+

La musica al contrario o il contrario della musica? I casi (di marketing) Mastrini e Allevi

settembre 17, 2012 Mario Leone

Non vorrei passare per il “criticone” di turno che trascorre il tempo a scrivere contro questo e quel musicista. Dei lettori hanno intravisto in alcuni miei post un pizzico di gelosia e pregiudizio. Sarà, ma finché qualcuno mi darà la possibilità di farlo, il mio scrivere sarà sempre un tentativo di giudicare il mondo musicale con le armi dell’esattezza e della leggerezza di “calviniana memoria”, con la sincera disponibilità al contraddittorio.

Non sembri quindi un’ulteriore scenata di gelosia quanto state per leggere su Maurizio Mastrini pianista noto per le sue esecuzioni al contrario. Avete letto bene. Esegue alcuni brani (per la verità non molti), partendo dall’ultima nota per arrivare alla prima. Da anni è stato più volte invitato in varie trasmissioni per mostrare le doti del “nuovo Bach” (dei cronisti così osano definirlo). Non basta Allevi “nuovo Mozart”, ora abbiamo il nuovo Bach. I due “fenomeni” hanno caratteristiche comuni nell’approccio col pubblico. Mastrini vive eremita (con moglie e prole) alla periferia del borgo di Colle San Paolo in Umbria; Allevi continua a vivere, così dice,  nel suo monolocale milanese; Mastrini ha avuto in sogno nientedimeno che Bach che gli chiede non si sa bene cosa! Allevi viene raggiunto dalla “strega capricciosa” mentre fa la spesa; Mastrini suona in smoking e piedi nudi (per sentire meglio il contatto con il pianoforte), Allevi suona con jeans e Converse e parla con il pianoforte. Mastrini ha una specie di capelli rasta biondi, Allevi la sua ormai fantomatica capoccia riccioluta.

Che palle! Ok, ora direte che anch’io scrivendone faccio loro pubblicità, ma in qualche modo bisogna pur dirlo che è una vergogna. Il Corriere della sera (non ho detto il giornalino scolastico di un paese sconosciuto) mercoledì scorso pubblicava sette colonne per Mastrini definendolo genio, non banale, eremita, in una fiera del luogo comune e della propaganda più insignificante che si potesse immaginare. Il suo repertorio è vasto (come dice il Corriere): da Mozart a Chopin fino ad Allevi, appunto. Chiedo ai miei pochi lettori: “Ma cosa mai potrà dire o significare eseguire un pezzo di musica dall’ultima nota? Che crescita umana può suscitare nell’ascoltatore? Se in un museo vi facessero vedere un Van Gogh al contrario chiedereste il rimborso del biglietto? O peggio, se un artista riproducesse la Gioconda al contrario vi commuovereste dalla bellezza? Per cortesia siamo seri. La vita è una cosa seria e lo è anche la musica.

Qualcuno mi chiederà se son capace di fare io una cosa del genere. No. Quindi? Non lo so fare né di natura né se mi mettessi a studiare per farlo. Non mi interessa perdere tempo in queste operazioni di puro marketing e bassa statura artistico-morale. Non mi interessa comporre la nuova musica “classica – contemporanea” (forse attualmente sono pochi i compositori che possono fregiarsi di questo titolo e certamente non sono loro).

Il signor Mastrini non dica che Bach suonava all’indietro i suoi pezzi, come Allevi dice che la musica di Mozart non veniva compresa all’epoca, perché è falso o distorto a loro piacimento. Bach usava i temi per creare soggetti, contro soggetti e risposte. Non faceva il trampoliere per Moira Orfei. Io preferisco ascoltare le improvvisazioni di Keith Jarrett, il fraseggio di Brad Mehldau, le sonorità dei Berliner o l’Orchestra Cherubini diretta da Muti. Preferisco la voce di Cecilia Bartoli. Preferisco Helen Grimaud con le sue mani, i suoi lupi e anche per quanto è una bella ragazza. Preferisco la voce drammatica di Amy Winehouse e il sogno americano cantato da Bruce Springsteen.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. alessandroc scrive:

    Mi complimento per l’onestà intellettuale del suo articolo. Ho cercato da tempo qualcuno che dicesse le cose come stanno su questo più che mediocre musicista, sicuramente “pompato” più da se stesso e il suo management, che dalla vera critica. E’ assolutamente vero che Mastrini non ha nulla da dire dal punto di vista musicale, per non parlare della sua scarsa tecnica pianistica palesemente mostrata a chi abbia un minimo di cognizione pianistica. Quello che fa si che chi lo ascolti, e abbia una media conoscenza musicale, non sia tenero con lui, oltre al fatto che veramente i brani di Mastrini sono noiosi, scritti male e privi di particolari che destino interesse, sta nel fatto che leggendo di lui sembra di trovarsi davanti ad un nuovo Bollani. Un curriculum più lungo di quello di Maurizio Pollini, che millanta capacità che, all’ascolto, non sono affatto riscontrabili. Segno evidente che Mastrini gioca sull’ignoranza del pubblico, ma anche e soprattutto sulla buona fede di chi, leggendo due righe scritte sempre da lui stesso, crede a tutto quello che viene detto. Nella musica non si può bluffare, soprattutto chi si erge a fenomeno internazionale quando non lo è affatto e si mette la corona in testa da solo. Una corona di cartone si bagna alla prima pioggerella.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana