Google+

La morte di Mango e la civiltà atea

dicembre 10, 2014 Camillo Langone

Articolo tratto da Il Foglio Fatalità vuole che mentre leggevo le critiche alla pubblicazione del video di Mango morente stessi studiando storia dell’arte, e proprio i capitoli dedicati ai memento mori. Ci fu un tempo in cui la morte, di più, l’agonia, veniva rappresentata realisticamente e non era certo un tempo di sciacallaggio mediatico. Si osservi il monumento sepolcrale di Luigi XII di Francia e di sua moglie Anna di Bretagna, fissati con la smorfia del trapasso. O quello del cardinale La Grange, col corpo già in decomposizione. Si rammenti che erano ritratti ufficialissimi e celebrativi. Era tutta la civiltà cristiana a non temere lo spettacolo della morte, certo per il grande esempio di morte in pubblico fornito da Gesù Cristo. Il video di Mango mi ha ricordato una deposizione, Pontormo e Pasolini ne avrebbero tratto capolavori e qui esorto gli eccellenti pittori viventi a cimentarsi su tanto soggetto. L’influsso cristiano sembrava giungere anche negli ambienti anticlericali: si veda il ritratto di Mazzini sul letto di morte, capolavoro di Silvestro Lega che certo non voleva compiere un vilipendio di cadavere ma rendere un estremo omaggio. Invece la civiltà atea non sa cosa farne della morte, non sa trarne nessun insegnamento, ed ecco pertanto le facili indignazioni e le facili cremazioni. (Se è per questo non sa trarre alcun insegnamento nemmeno dalla vita, ed ecco pertanto le proteste per le mamme che allattano nei ristoranti).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana