Google+

La luce dell’inventiva

aprile 12, 2012 Mariapia Bruno

«Più Luce!» sembra che abbia detto Goethe negli ultimi istanti della sua vita; due parole che racchiudono un significato profondo, in quanto la luce – fonte che rende visibile tutto ciò che vediamo – rappresentava per il poeta l’ultima ancora di salvezza dalle tenebre che inesorabili gli si avvicinavano. Fisica o mistica, la luce rappresenta una tematica di tutto rispetto nella storia dell’arte, basti pensare al suo significato divino nelle opere sacre – dalle tele di Caravaggio alle sculture del Bernini – o all’importanza delle sfumature e dei contrasti nelle vedute prospettiche. Protagoniste della mostra Più Luce alla Galleria Ostrakon di Milano saranno tutte quelle composizioni che senza l’apporto della luce risulterebbero incomplete o inesistenti, opere d’arte rese tali solo dalla sorgente luminosa che le accarezza.


Quattro gli artisti che con le loro opere su tema scandiscono il percorso espositivo: Maurizio Aprea con incisioni su plexiglass e perifotoscopie, Davide De Paoli con percezioni ottiche, Nicoletta Frigerio con arcani bagliori e Alberto Grein con vetrologie. Si alternano allora le forme plastiche e le luci artificiali del primo con i volumi piatti del secondo, i metalli in fusione, le lastre e le pietre della terza con i vetri del quarto. A spiccare per funzionalità e piacevolezza visiva, gli insetti-lanterne di vetro di Alberto Grein. Dal 19 aprile al 3 maggio 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Donn Turrentine scrive:

    I just want to mention I am just all new to blogging and definitely loved this web page. Probably I’m planning to bookmark your website . You certainly have wonderful article content. Thanks a bunch for sharing your web-site.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana