Google+

La Francia di Hollande odia la Chiesa cattolica

gennaio 31, 2014 Redazione

3128557418_1_10_1EUvsEuiBella intervista oggi di Giulio Meotti sul Foglio al filosofo Pierre Manent. Il titolo è già di per sé esaustivo per spiegare il tema al centro del colloquio: “In Francia c’è una guerra civile, République contro cristianesimo”. Spiega Manet: «Quella che chiamiamo laicité è la formulazione giuridica di una guerra civile vinta da una parte e persa dall’altra. La Francia repubblicana ha soggiogato la Francia cattolica e la Francia cattolica ha accettato. Oggi viviamo il seguito di quella guerra civile».

Interpellato a riguardo di quel che sta accadendo nel paese (dalle nozze gay all’imposizione dell’educazione di Stato nelle scuole), il filosofo spiega che «il governo socialista ha dato vita a una nuova ideologia progressista in cui la democrazia è stata completamente svuotata di significato e ridotta a una sequela di diritti individuali. Si è persa ogni idea del reale. Si tratta di una visione aggressiva dell’uguaglianza e della libertà, l’idea di una vita senza più legami con il bene pubblico. Contano soltanto i diritti individuali, il desiderio. Alcuni socialisti pensano di essere all’avanguardia civile e morale. Questi poteri parlano per conto di un uomo nuovo, che non vuole avere niente a che fare con la vera storia d’Europa, la lunga battaglia tra le nazioni, le religioni e le dottrine filosofiche. Il suo unico programma è quello di preservare la sua nuova innocenza. Questo ha portato a una disperazione nella vita pubblica francese a un odio per la Chiesa cattolica e il messaggio di unione nel paese». Tanto che, ormai, «la Chiesa è concepita come nemica della République».

Secondo Manet è ormai chiaro che nel progetto del socialismo hollandiano «la laicità deve diventare una religione che prenda il posto dell’oscurantismo cattolico (…). In nessun altro paese d’Europa il secolarismo si era mai posto l’obiettivo di spazzare via la religione e imporre ai cittadini l’obbligo di aderire alla laicità. È un progetto pericoloso, perché come diceva Montesquieu, l’uniformità è sorella del dispotismo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

9 Commenti

  1. Livio scrive:

    Sono cattolico e rispetto la figura del Papa come santo Padre, ma vorrei tanto che Papa Francesco si esprima a caratteri forti contro questa deriva, il parlare della misericordia va bene, ma ogni tanto ci vuole la sferza.

  2. malta scrive:

    il potere dei massoni sembra inarrestabile

  3. ErikaT scrive:

    Ma dov’è il mio commento????? la chiesa fa le battaglie contro certi diritti, non le persone lgbtt

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

In casa Nissan si volta pagina: la Micra attuale va in pensione e lascia spazio a un nuovo modello molto più filante e sportivo che debutta a Parigi. Tre i motori a catalogo, due a benzina e uno diesel.

La nuova generazione della media sportiva nipponica può contare su di un’estetica estrema, degna di un tuner. Confermata la trazione anteriore, mentre il 2.0 turbo benzina potrebbe passare da 310 a 330 cv. Nelle concessionarie nella seconda metà del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana