Google+

La Fifa avverte Trump: il Mondiale non lo diamo agli stati canaglia

marzo 14, 2017 Redazione

Abbiamo atteso a lungo che scoppiasse un polemicone di quelli che ci attizzano, ma visto che non scoppia ci pensiamo noi a sottolineare come si deve la sacrosanta lezione di fair play impartita dalla Fifa a quell’antisportivo di un Trump.

Questo blog dedicato a Trump-che-rovina-cose trova infatti quanto mai opportuno l’avvertimento lanciato cinque giorni fa dal presidente della Fifa Gianni Infantino all’inquilino della Casa Bianca. Come riporta per esempio un articolo della Gazzetta dello sport, la Federazione calcistica internazionale potrebbe rifiutarsi di prendere in considerazione la candidatura degli Stati Uniti a ospitare il Mondiale 2026 se Trump non cancellerà il “Muslim Ban”, l’ordine esecutivo che congela i visti di ingresso negli Stati Uniti per i cittadini provenienti da sei stati a maggioranza musulmana (Sudan, Siria, Iran, Libia, Somalia, Yemen) considerati dal rovinatore in chief paesi sponsor del terrorismo islamico. Lo stesso Infatino ha voluto confermare la possibile ritorsione spiegando che «qualsiasi squadra che si qualifica per la Coppa del Mondo, compresi sostenitori e funzionari, deve poter avere accesso al paese, altrimenti non ci sarebbe la Coppa del Mondo».

Quello che ci sorprende è che nessuno, nemmeno la Gazzetta, abbia voluto approfittare della coraggiosa presa di posizione della Fifa per affondare il colpo definitivo contro l’orrido Trump. È assolutamente ragionevole e giusto, innanzitutto, pensare che un ordine esecutivo che entrerà in vigore dopodomani (16 marzo) e resterà valido per 90 giorni (novanta giorni) potrebbe creare ancora problemi nel 2026. Meglio essere previdenti. Ma soprattutto la Fifa aveva sotto mano un perfetto esempio da utilizzare in chiave anti-Trump. Come ha fatto Infantino a non pensare al caso Qatar? Il Qatar sì che si è meritato di aggiudicarsi il Mondiale 2022: non solo è un paese proverbialmente accogliente verso il diverso, ma addirittura grazie all’accoglienza del diverso sta letteralmente costruendo il suo Mondiale. Altro che porte chiuse, chi vuole andare in Qatar a fare lo schiavo è il benvenuto. Pare che siano già diverse centinaia i migranti morti nei cantieri dei nuovi stadi del Qatar Great Again. E di qui al 2022, a causa delle condizioni di lavoro assolutamente disumane, il conto delle vittime potrebbe salire addirittura ad alcune migliaia. La Fifa ha detto qualcosa? Macché. Perciò avanti migranti, tutti in Qatar, il lavoro non manca e il turnover va che è una meraviglia. Del resto chi costruisce tanti muri poi purtroppo rischia di cadere. Ecco, forse la Fifa dovrebbe sgridare Trump anche perché non indossa il caschetto di protezione.

trump-infantino-mondiali-gazzetta-sport-it

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: YAMAHA TEST THE EMOTION, Hyper Naked e Sport Touring in prova  DOVE E QUANDO: Pescara, 1 e 2 aprile Si chiama “Yamaha Test the Emotion” il nuovo tour itinerante di nove tappe organizzato da Yamaha per far scoprire ai motociclisti italiani i modelli delle famiglie Hyper Naked e Sport Touring di Iwata. Per la gamma MT saranno presenti […]

L'articolo RED Weekend 30 marzo – 2 aprile, idee per muoversi proviene da RED Live.

Dormire sugli allori può rivelarsi – oggi più che mai – un errore imperdonabile, anche per le Case più affermate e per i loro modelli più rappresentativi. Con la concorrenza che affila le armi e la tecnologia che si diffonde a macchia d’olio a tutti i livelli, il rischio che un modello best-seller possa finire […]

L'articolo Prova Suzuki V-Strom 650 XT 2017 proviene da RED Live.

LIVE Una delle 600 Supersport più amate di sempre si rinnova, dimostrando che Yamaha crede ancora in una categoria che altri hanno dato già per spacciata. Troppo severe le norme anti inquinamento per i frullini da 600 cc che a furia di smagrire le carburazioni sono diventati anoressici di coppia e poco godibili su strada, […]

L'articolo Prova Yamaha R6 2017 proviene da RED Live.

La primavera è per definizione la stagione più di altre foriera di novità. E le novità fioriscono anche in KTM. Dopo il lancio del tour internazionale Track ‘N Test, che farà tappa anche a Misano dal 7 al 9 aprile, ecco difatti profilarsi un’altra iniziativa. Partiamo dalla sigla C.O.R.E., ossia Complete Off Road Education e che […]

L'articolo KTM Adventure Hard C.O.R.E. proviene da RED Live.

È un’evoluzione e non una rivoluzione, questo si capisce anche da nome. Quel “Max” aggiunto si traduce in migliorie a un prodotto, Dunlop SportSmart 2, che ottenuto un buon successo sul mercato ma che meritava un upgrade per rimanere al passo con i tempi. Operazione necessaria perché l’andamento del mercato delle moto parla molto chiaro: […]

L'articolo Prova Dunlop SportSmart 2 Max proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana