Google+

La Fifa avverte Trump: il Mondiale non lo diamo agli stati canaglia

marzo 14, 2017 Redazione

Abbiamo atteso a lungo che scoppiasse un polemicone di quelli che ci attizzano, ma visto che non scoppia ci pensiamo noi a sottolineare come si deve la sacrosanta lezione di fair play impartita dalla Fifa a quell’antisportivo di un Trump.

Questo blog dedicato a Trump-che-rovina-cose trova infatti quanto mai opportuno l’avvertimento lanciato cinque giorni fa dal presidente della Fifa Gianni Infantino all’inquilino della Casa Bianca. Come riporta per esempio un articolo della Gazzetta dello sport, la Federazione calcistica internazionale potrebbe rifiutarsi di prendere in considerazione la candidatura degli Stati Uniti a ospitare il Mondiale 2026 se Trump non cancellerà il “Muslim Ban”, l’ordine esecutivo che congela i visti di ingresso negli Stati Uniti per i cittadini provenienti da sei stati a maggioranza musulmana (Sudan, Siria, Iran, Libia, Somalia, Yemen) considerati dal rovinatore in chief paesi sponsor del terrorismo islamico. Lo stesso Infatino ha voluto confermare la possibile ritorsione spiegando che «qualsiasi squadra che si qualifica per la Coppa del Mondo, compresi sostenitori e funzionari, deve poter avere accesso al paese, altrimenti non ci sarebbe la Coppa del Mondo».

Quello che ci sorprende è che nessuno, nemmeno la Gazzetta, abbia voluto approfittare della coraggiosa presa di posizione della Fifa per affondare il colpo definitivo contro l’orrido Trump. È assolutamente ragionevole e giusto, innanzitutto, pensare che un ordine esecutivo che entrerà in vigore dopodomani (16 marzo) e resterà valido per 90 giorni (novanta giorni) potrebbe creare ancora problemi nel 2026. Meglio essere previdenti. Ma soprattutto la Fifa aveva sotto mano un perfetto esempio da utilizzare in chiave anti-Trump. Come ha fatto Infantino a non pensare al caso Qatar? Il Qatar sì che si è meritato di aggiudicarsi il Mondiale 2022: non solo è un paese proverbialmente accogliente verso il diverso, ma addirittura grazie all’accoglienza del diverso sta letteralmente costruendo il suo Mondiale. Altro che porte chiuse, chi vuole andare in Qatar a fare lo schiavo è il benvenuto. Pare che siano già diverse centinaia i migranti morti nei cantieri dei nuovi stadi del Qatar Great Again. E di qui al 2022, a causa delle condizioni di lavoro assolutamente disumane, il conto delle vittime potrebbe salire addirittura ad alcune migliaia. La Fifa ha detto qualcosa? Macché. Perciò avanti migranti, tutti in Qatar, il lavoro non manca e il turnover va che è una meraviglia. Del resto chi costruisce tanti muri poi purtroppo rischia di cadere. Ecco, forse la Fifa dovrebbe sgridare Trump anche perché non indossa il caschetto di protezione.

trump-infantino-mondiali-gazzetta-sport-it

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download