Google+

La democrazia è troppo pericolosa per affidarla soltanto ai democratici

aprile 26, 2017 Alessandro Giuli

siria-settembre-2016-2-ansa

Pubblichiamo la rubrica delle “lettere al direttore” contenuta in Tempi n. 15 (vai alla pagina degli abbonamenti). Per scrivere ad Alessandro Giuli: direttore.giuli@tempi.it.

Prima di leggere l’articolo di Leone Grotti (“Verrà la Pasqua anche per la Siria?”), pensavo che gli Stati Uniti continuassero ad essere l’unica nazione realmente democratica, tra quelle coinvolte nel conflitto siriano. E lo penso ancora. Ma la democrazia, con le sue istituzioni e la loro tecnica, da sola non basta. Ci vogliono i popoli. E voi di Tempi mostrate quella parte di popolo siriano non emigrata altrove e, soprattutto, non utopista. Assad è un carnefice? Molto probabile. Ma a chi interessa davvero tutto il popolo siriano? I principali oppositori interni di Assad sono i terroristi sunniti e salafiti, i quali non stanno certamente mostrando benevolenza (in Siria così come in Europa) verso i cristiani, gli ebrei e, soprattutto, verso i musulmani sciiti, alawiti, eccetera. Oggi anche le migliori democrazie occidentali tutelano coesioni sociali precarie, rivelatesi tali in questi ultimi anni di crisi economica, demografica e migratoria. Cos’è un popolo, se non una casa da dare alla libertà? (Mi perdoni.) Bisognerà indagare nuovamente il significato di questo termine, i cui due elementi, carnale e comunitario, sono necessariamente inscindibili. Altrimenti diventeremo tutti oggetti disincarnati, persi e sparsi in una fluidità eterea priva di senso. In balìa di quel potere che non teme nemmeno l’atomica. 
Daniele Ensini via internet

Gentile signor Ensini, a volte la democrazia è troppo pericolosa per lasciarla nelle mani dei soli democratici. L’America di Obama ne è la palese dimostrazione. Sull’America di Trump, per il momento, vorrei continuare a sospendere il giudizio. Assad è un carnefice, probabilmente, ma ora come ora l’alternativa è un Demo-Califfato.

***

Non ho pregiudizi contro alcuna confessione religiosa che rivendichi il diritto all’esercizio del proprio culto in Italia, ma mentre garantire la costruzione di nuove moschee pare diventare una sorta di priorità, vorrei che contestualmente si riflettesse intorno al contenuto dell’articolo 8 della nostra Costituzione che così recita: «Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto ad organizzarsi secondo i loro statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano». Quando vedo nel nostro paese mariti che prendono a calci la moglie perché non indossa il burqa, genitori che rasano la figlia perché non intende indossare il velo o che combinano matrimoni con uno sconosciuto, mi chiedo quanto il disprezzo della condizione femminile sia compatibile con il nostro ordinamento, nonostante il silenzio sospetto del “femminismo ad orologeria”, tanto veloce nell’insorgere contro la Chiesa cattolica che ribadisce i propri convincimenti in tema di contraccezione, quanto disattento dinanzi a queste pratiche musulmane.
Daniele Bagnai Firenze

 ***

Chiedo scusa ma non saprei a chi porre la domanda che mi assilla dalla visione della pubblicità Lufthansa: siamo forse l’unica nazione o quasi senza aviolinea di bandiera? O con crisi economica ricorrente? Possibile non riuscire a copiare l’organizzazione aziendale che in altre nazioni consente alle compagnie di bandiera non solo l’esistenza ma una forza concorrenziale in Europa ed oltre? Nel caso di Alitalia si tratta di aerei e di personale addetto, ma ci sono altri esempi analoghi (Ilva, Fiat, eccetera). Ma quanti Marchionni ci vorrebbero per evitare tali autoaffondamenti ed essere tutti coinvolti attraverso i media nei dolori-mensili-ricorrenti dei nostri governanti? Forse la cosa si risolverà quando esternazioni di tali dolori cambieranno colore. 
Sergio Fiordiponti via internet

Ricordo che una volta, intervistato da me per il Foglio, un ministro del Lavoro italiano definì l’Alitalia come «una Rai con le ali». Voleva evidenziarne l’aspetto deteriore, un misto di pesantezza e assistenzialismo clientelare. Sono passati molti anni, da allora, e la Rai ancora non ha risolto i suoi problemi di governance, malgrado gli sforzi di una dirigenza audace ma circondata da scetticismi e giochi politici; e malgrado Viale Mazzini possa ancora oggi contare su un corpo professionale e tecnologico di qualità rara. Quanto ad Alitalia, gentile signor Fiordiponti, non sono più sicuro che l’Italia debba a tutti i costi avere un’aviolinea di bandiera. I fatti hanno certificato il contrario, ogni cordata nazionale improvvisata per improbabili salvataggi ha mostrato di non essere all’altezza del compito. La Germania non è un termine di paragone compatibile con il nostro mercato del lavoro, e sopra tutto con i nostri standard produttivi. Mi terrei piuttosto stretto quel poco d’italiano che resiste in materia di energia e trasporti ma, anche in questo caso, non a tutti i costi. Ne riparleremo.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana